Pubblicato il

"Il Comune non è estraneo ai problemi del depuratore"

Il consigliere provinciale di Rifondazione Comunista Gino De Paolis interviene dopo le dichiarazioni di Moscherini. Le posizioni di Alvaro Balloni contrastano con quelle del Sindaco: «Siamo noi che dobbiamo assicurare il massimo ai cittadini»

Il consigliere provinciale di Rifondazione Comunista Gino De Paolis interviene dopo le dichiarazioni di Moscherini. Le posizioni di Alvaro Balloni contrastano con quelle del Sindaco: «Siamo noi che dobbiamo assicurare il massimo ai cittadini»

CIVITAVECCHIA – Le parole con cui il sindaco Gianni Moscherini ha scaricato sulla Regione Lazio l’intera responsabilità dei reflui a mare, conseguenza di una cattiva gestione del depuratore, non sono piaciute a Rifondazione Comunista. Il consigliere provinciale Gino De Paolis ha voluto mettere i puntini sulle i: «Non so se è solo colpa della Regione – ha spiegato – c’è un indagine in corso per appurare le responsabilità del cattivo funzionamento dell’impianto che da anni o forse da sempre è inefficiente».De Paolisi ha spiegato che la Regione solo di recente avrebbe messo mano alla linea aggiuntiva, mentre i corsi d’acqua di Boccelle e delle ville a ridosso dell’autostrada non sarebbero mai arrivati al depuratore. Rincara poi la dose: «A viale della Vittoria e nei pressi del monumento a Garibaldi l’aria è irrespirabile – ha aggiunto – il Comune dovrebbe subito avviare un’indagine interna più che guardare alle responsabilità della Regione. Ci sono dirigenti e funzionari comunali – ha proseguito De Paolis – che sicuramente conoscono la drammaticità di una situazione che non solo incide sul divieto di balneazione ma anche sulla salute pubblica». Il consigliere provinciale riferisce poi i dettagli legati al problema: «I liquami vengono continuamente scaricati a mare – ha fatto sapere e precisamente alla banchina 24. Sono sicuro che questa volta il Roan della Guardia di Finanza andrà fino in fondo e mi auguro che non molli la presa su questa questione, poiché la gente ha diritto di sapere come stanno le cose: se è una questione di lucro o di semplice superficialità». Gli fa eco il collega Alvaro Balloni, consigliere provinciale dell’Italia dei Valori e membro della Grande Coalizione: «Non mi interessa di chi è la colpa del malfunzionamento del depuratore – ha affermato – noi come Amministrazione comunale abbiamo il dovere di assicurare ai cittadini il corretto funzionamento dell’impianto; la responsabilità è comunque nostra». Affermazioni che in parte contrastano con quelle di Moscherini, mentre Balloni ha colto l’occasione per ribadire l’ottimo lavoro portato avanti dall’assessore alle Manutenzioni Mauro Campidonico. «Stiamo elaborando un progetto che porterà il depuratore cittadino ad essere un gioiello – ha concluso – spero che l’Amministrazione comunale creda alla nostra iniziativa, altrimenti ricorreremo alla Provincia o alla Regione».

ULTIME NEWS