Pubblicato il

Santa Fermina, 5 giorni di festa

CIVITAVECCHIA – Cielo arancione ed un veliero che naviga sicuro sulle onde del mare; onde che sono formate dai lunghi capelli di Santa Fermina, la patrona della città e dei naviganti. E’ questo il logo che quest’anno caratterizzerà i festeggiamenti per la Santa, in programma dal 24 al 28 aprile prossimi. Ad ideare il bozzetto la succursale ‘‘Calamatta’’ della Scuola Media “Flavioni” che, vincendo il concorso promosso dall’Assobalneari, si è aggiudicata il primo premio di 500 euro. E quest’anno, infatti, per la festa di Santa Fermina sono scesi in campo molti attori: associazioni, scuole, gruppi sportivi, artisti. Tutti insieme per regalare alla città 5 giorni di festa, grazie all’impegno profuso, in particolare, dall’Assobalneari, dalla Confcommercio, dalla Cna, dal comitato festeggiamenti Santa Fermina, dall’Iis ‘‘Viale Adige’’ che, insieme al Pincio e all’Autorità Portuale, daranno il via alla prima edizione del progetto ‘‘Santa Fermina Expò 2008’’. Un evento che sottolinea la rinnovata sinergia tra porto, città e associazioni. «Si tratta di un’importante iniziativa – ha spiegato il presidente dell’Authority Fabio Ciani – per avvicinare ancora di più il porto alla città, e il porto al territorio». La struttura portante dell’iniziativa si divide in diverse parti: dall’expo allestito alla Calata Principe Tommaso in porto, al progetto “Chef in Tour” presso SANTAalcuni ristoranti locali e nel villaggio stesso all’interno dello scalo, fino alla mostra di ‘‘Pittori D’Abruzzo’’ allestita alla Darsena Romana ed intitolata al sacerdote salesiano Don Pandolfi in occasione del 110° anniversario dalla sua nascita, allestita. Infine sono state organizzate molte altre iniziative collaterali, con spettacoli per bambini, esibizioni di danza e sportive, giochi, sfilate di moda, di auto storiche e di Vespa. La manifestazione si concluderà poi il 28 aprile prossimo, con i classici festeggiamenti, tra tradizione e religione, per la Santa. «E’ un progetto ambizioso – ha spiegato il presidente di Assobalneari Marco Maurelli – che ha richiesto mesi di duro lavoro ma che, sono convinto, restituirà alla città forti sensazioni».

ULTIME NEWS