Pubblicato il

Via l'antenna da via Ortigara

SANTAdi ALESSANDRO D’ALESSIO

SANTA MARINELLA – La notizia principale emersa dal Consiglio Comunale di Venerdì è stata l’individuazione delle possibili soluzioni per la delocalizzazione dell’antenna di via Ortigara. Questa, che alcuni mesi fa era stata installata proprio nel mezzo di alcune abitazioni, ha sollevato da sempre la protesta dei residenti della zona. «Abbiamo intrapreso un buon viatico per risolvere la situazione inerente l’antenna di Via Ortigara – afferma l’assessore Grimaldi – e come consuetudine, ascolteremo le esigenze del Comitato e di tutte la parti interessate prima di adottare la decisione definitiva al caso. L’antenna va assolutamente rimossa da quella zona, individuando un’area più consona e meno pericolosa. Vogliamo che la soluzione sia gradita al Comitato in primis, ma all’intera cittadinanza. Ci siamo attivati allo stesso tempo anche per quanto concerne le problematiche relative alle altre antenne installate sul territorio, convinti che da qui ad alcuni mesi saremo in grado di risolvere il problema. Non serve fare demagogia come qualcuno sta mettendo in atto – conclude Grimaldi – poiché il problema è serio e molto sentito dai cittadini. Mi auguro che si collabori, tra le diverse forze politiche e la cittadinanza, per trovare soluzioni comuni e risolvere definitivamente la questione». E’ stata inoltre Approvata la variante urbanistica per la realizzazione dell’Asilo Comunale. «Un passo fondamentale verso la realizzazione dell’Asilo Nido Comunale – ha affermato l’assessore alla Pubblica Istruzione Roberto Marongiu – che andrà a risolvere il problema di tante famiglie della nostra città, e soprattutto di tante mamme impegnate nel mondo del lavoro. L’iter burocratico si concluderà con il passaggio in Regione, dopodiché potremmo porre la prima pietra per l’importante struttura scolastica. Nel frattempo abbiamo approvato il regolamento per quanto concerne l’inserimento di bimbi presso asili nido privati, ma abbiamo inoltre adottato il provvedimento che permetterà a tante mamme di affidare i propri bambini alla scuola prima dell’orario di inizio delle lezioni, andando così incontro alle esigenze delle famiglie».

ULTIME NEWS