Pubblicato il

Via libera alla bonifica delle spiagge: entra in funzione Raffinerie di Roma

FIUMICINO – “Partono i lavori di bonifica delle sabbie stoccate presso lo stabilimento costiero delle Raffinerie di Roma spa di via della Pesca a Fiumicino. Avendo concordato con la società le modifiche e le migliorie al progetto, rese necessarie dalle prescrizioni richieste dalla Regione Lazio, l’Area Ambiente del Comune di Fiumicino ha dato il via libera all’apertura del cantiere che predisporrà il trattamento in sito dei diversi metri cubi di sabbie attualmente stoccate e sigillate all’interno della recinzione dello stabilimento”. Lo comunica in una nota l’assessorato all’Ambiente del Comune di Fiumicino. “L’intervento – continua la nota – sarà svolto con un metodo a basso impatto ambientale da una ditta leader del settore a livello comunitario; le sabbie intrise di idrocarburi attualmente accumulate sui piazzali e all’interno delle vasche in disuso, verranno letteralmente lavate da una grossa apparecchiatura montata in sito, capace di separare le sabbie dagli inquinanti ‘a freddo’ ovvero attraverso l’impiego di acqua ed enzimi attivi, senza produrre fumi o odori; gli idrocarburi estratti e le sabbie irrecuperabili, verranno trasportati con degli appositi automezzi a tenuta stagna, presso una discarica autorizzata mentre le sabbie trattate e bonificate, verranno riposte lungo la spiaggia di Fiumicino Nord”. “Sono soddisfatto – dichiara l’assessore all’Ambiente, Pasquale Proietti – del lavoro degli uffici, che ringrazio, in quanto siamo riusciti a studiare un sistema di bonifica che rispetti a pieno l’ambiente; ricordo quante perplessità aveva suscitato l’idea di incenerire le sabbie che ho trovato all’inizio del mio mandato cinque anni fa. Credo che con l’avvio dei lavori di oggi, si dia una concreta risposta ai tanti nostri concittadini
che da anni chiedevano la rimozione delle sabbie, pur non essendoci mai stato un rischio imminente per la loro salute”. “L’istanza e la protesta dei cittadini – si legge nella nota – aveva portato, ormai sei anni fa, l’amministrazione comunale ad iniziare insieme alla Regione Lazio, una azione nei confronti della società Raffinerie di Roma volta a eliminare i rischi per la cittadinanza dovuti alla presenza di sabbie maleodoranti a ridosso delle case”. “Credo – prosegue Proietti – che avremmo potuto impiegare molto meno tempo nella soluzione di questo annoso problema, se non avessimo dovuto riorganizzare l’intera procedura caratterizzata da molti vizi di forma o non avessimo dovuto fare i conti con i molti veti politici incrociati che in passato Regione e Provincia hanno posto sulla pianificazione degli interventi; le competenze mutate dall’attuale normativa e un fattivo lavoro di concertazione con i competenti uffici della Regione ha portato questo lungo processo in porto”. “Le attività sopra menzionate – conclude la nota – la cui durata presuntiva è stata quantificata in 4-5 mesi, si svolgeranno nel pieno rispetto delle norme inerenti la tutela della sicurezza e della salute pubblica e privata, e saranno costantemente vigilate dalle autorità preposte al controllo e dall’amministrazione comunale”.

ULTIME NEWS