Pubblicato il

Via libera all'interramento degli elettrodotti

CIVITAVECCHIA – La partenza dei lavori di interramento degli elettrodotti, potrebbe mettere la parola fine alle diatribe che da anni vedono i cittadini di San Liborio contrapposti al Comune. L’assessore all’Ambiente, Fabiana Attig, ha infatti reso noto l’avvio della procedura di sotterramento concordata con l’Enel dopo estenuanti trattative portate avanti con i proprietari dei terreni: «Aspettavamo questo momento da anni – ha riferito la Attig che non ha risparmiato critiche a chi nei giorni scorsi proprio su questo tema l’ha attaccata (Giancarlo Frascarelli, ndr) – alla fine abbiamo messo d’accordo tutti i proprietari dei vari terreni e i lavori partiranno il prossimo luglio sotto il controllo dell’Enel». Un’attività che potrebbe durare oltre cinque mesi, poiché andrebbero smantellati i vecchi tralicci prima di sistemare quelli nuovi, come ha spiegato il dirigente all’ufficio ambiente, Maurizio Marini: «Stiamo parlando di circa 150 kilovolt – ha chiarito l’ingegnere – i punti nevralgici sono tre: Civitavecchia-Vigna Turci, Civitavecchia-Santa Lucia e Civitavecchia-Santa Marinella». In quest’ultimo punto il lavoro è apparso più complicato, con l’assessorato che ha provveduto ad una modifica del progetto, spostando un palo al confine di una proprietà privata, divincolando così i terreni e disponendo il passaggio dei fili per via del Casaletto Rosso senza toccare l’autostrada. Ulteriori due tratti non contemplati nella vecchia convenzione Enel che ha consentito l’interramento dei tralicci con un costo di qualche milione di euro, la cui definizione è stata trattata a parte dal Pincio con la Spa, che ha concesso ulteriori 600 mila euro. MARINI
«Per ciò che riguarda Civitavecchia-Santa Lucia e Civitavecchia-Vigna Turci, che appartengono all’area San Liborio, l’Enel si è impegnata a presentare alla Provincia di Roma le modifiche al progetto concordate – ha aggiunto Marini – è un tratto di circa 200 metri che tra un anno al massimo sarà completato». Soddisfatta l’assessore Attig: «Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla definizione di questa vicenda, partita diversi anni fa e che finalmente è arrivata al capolinea. Non è stato semplice spiegare ai privati le procedure da seguire, ma alla fine siamo riusciti a rendere fattibile l’interramento degli elettrodotti».

ULTIME NEWS