Pubblicato il

Villa Benedetta, chiesta l'archiviazione

GIUSEPPECIVITAVECCHIA – Novità sul caso Villa Benedetta: il giudice richiede l’archiviazione della denuncia presentata dalla Asl contro Crocchianti. E’ di oggi infatti la notizia secondo la quale il Pubblico Ministero avrebbe domandato al Gip di archiviare il caso, poiché, si legge in una nota trasmessa proprio dalla struttura sanitaria «E’ evidente che l’indicazione fornita dalla Asl ai carabinieri e poi alla Regione per indicare come indebite le richieste del Crocchianti, appare erronea». Una condizione quella prospettata, che farebbe tirare un sospiro di sollievo al dottor Crocchianti. «Sono soddisfatto che la procura abbia fatto chiarezza – ha fatto sapere – mi domando invece se un dipendente della Asl, fosse anche dirigente dell’ufficio, possa sbagliare in maniera grossolana, procurando un danno ad oltre cinquanta famiglie e ad un centro accreditato con il servizio sanitario nazionale». Chiede quindi le dimissioni di chi ha commesso l’errore, e rivolgendosi alla Asl aggiunge «Ora mi aspetto che le istituzioni politiche prendano provvedimenti su questa dirigenza e che chiedano l’allontanamento immediato di chi dirige l’area accrediti». La vicenda infatti interessa proprio la sospensione da parte della Regione Lazio delle remunerazioni, dopo una segnalazioni pervenuta da Civitavecchia. Lo stesso Crocchianti denunciò tra l’altro l’autore di una telefonata anonima «L’inchiesta – ha affermato il medico – è partita da una telefonata anonima e non da specifiche indagini». Sulla questione interviene anche D’Este Orioles: «Basta con questa farsa che è durata oltre cinque mesi, la Regione riporti tutto nella norma e i dipendenti siano pagati per il loro lavoro».

ULTIME NEWS