Pubblicato il

Aeroporto, Mazzola lo vuole in città

Tarquinia. Ma la senatrice Allegrini: «Troppo traffico»

Tarquinia. Ma la senatrice Allegrini: «Troppo traffico»

TARQUINIA – «La sede ideale per il terzo scalo aeroportuale del Lazio è Tarquinia. Basterebbe riattivare ed adeguare il vecchio aeroporto militare sulla provinciale Litoranea». Con queste parole il sindaco di Tarquinia, Mauro Mazzola, in una lettera inviata al ministro dei Tasporti, Alessandro Bianchi, al presidente della Regione Lazio, Marrazzo, e al presidente della Provincia, Mazzoli candida la cittadina etrusca a sede per il nuovo aeroporto. «Tarquinia possiede tutti i requisiti richiesti: l’assenza di ostacoli orografici in grado di condizionare o limitare le procedure di avvicinamento, atterraggio e attesa degli aerei; condizioni di non interferenza tra l’attività commerciale e quella militare; ottime condizioni ambientali e climatiche. Lo scalo si troverebbe vicino all’autostrada Roma-Civitavecchia, alla linea ferroviaria che collega Tarquinia alla capitale in poco meno di un’ora e al porto di Civitavecchia, diventato scalo d’importanza internazionale». Non è però dello stesso avviso la senatrice di An Laura Allegrini che si dice stupita: «Tarquinia ha un tratto aereo tra i più trafficati d’Italia lo dice il rapporto dell’Enav».

ULTIME NEWS