Pubblicato il

Agguato in via Terme di Traiano, ferito pregiudicato

Ieri sera intorno alle 21due uomini a bordo di una moto hanno sparato al fianco destro a D. M., 29enne civitavecchiese. Il giovane non sarebbe in pericolo di vita. Indagini dei carabinieri. Caccia ai due uomini in moto che gli hanno sparato alle spalle. Il giovane ha riferito agli inquirenti di non aver visto nulla.

Ieri sera intorno alle 21due uomini a bordo di una moto hanno sparato al fianco destro a D. M., 29enne civitavecchiese. Il giovane non sarebbe in pericolo di vita. Indagini dei carabinieri. Caccia ai due uomini in moto che gli hanno sparato alle spalle. Il giovane ha riferito agli inquirenti di non aver visto nulla.

di GIANTELEMACO PERTICARA’

Lo hanno seguito, hanno atteso che scendesse dall’auto e poi gli hanno sparato un solo colpo alle spalle. Un vero e proprio agguato quello che si è consumato ieri sera intorno alle 21 in via Andrea Moneta, nella zona nord della città, ai danni di D. M., pregiudicato locale di 29 anni.
I suoi aggressori, che erano a bordo di una moto e probabilmente avevano il volto coperto da un casco, si sono allontanati in gran fretta dopo che il giovane si è accasciato a terra sanguinante. Trasportato al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo, non è in pericolo di vita. Il proiettile, appartenente ad una pistola di medio calibro, lo ha trapassato sul fianco destro non toccando comunque organi vitali. Lo stesso nosocomio ha avvertito i carabinieri di via da Sangallo che stanno conducendo le indagini, coordinate dal sotituto procuratore Corrado Fasanelli.
Il giovane, oggi, ha risposto alle domande degli inquirenti riferendo di non essersi accorto di nulla.
A quanto pare avrebbe raccontato di essersi fermato al ciglio della strada che si trova in località Banditella, nella parte alta di via Terme di Traiano e di essere sceso, ma di non essersi reso conto della moto che lo seguiva. Al momento in cui è stato colpito si trovava di spalle e quindi non è riuscito a vedere i suoi aggressori né a rendersi conto di marca e modello della moto.
A quanto sembra, comunque, non ci sarebbero testimoni dell’agguato. La zona in cui è avvenuto è abbastanza isolata.
Il proiettile non è stato ancora ritrovato dai carabinieri e potrebbe fornire elementi utili, almeno servirebbe a definire il modello della pistola che ha sparato. Il fatto che fosse di medio calibro è stato dedotto dal tipo di ferita al fianco del ragazzo.
La circostanza che sia stato sparato un solo colpo e non mirando ad organi vitali (anche se la distanza a quanto pare sarebbe abbastanza ravvicinata) potrebbe far pensare che gli aggressori non avessero intenzione di uccidere ma, più probabilmente, di vendicarsi di un torto subito o di avvertire.
E’ comunque caccia aperta ai due uomini che sono ricercati dai carabinieri di via da Sangallo con l’accusa di tentato omicidio.

ULTIME NEWS