Pubblicato il

Al palo il Piano di utilizzazione degli arenili

S. Marinella. Nuovo rinvio per l’approvazione del Pua: non è nei punti all’ordine del giorno del consiglio comunale del 27 giugno La prossima assise si occuperà solo di bilancio. Marongiu: «Dobbiamo ancora mettere a punto e concertare pareri diversi» Al vaglio del parlamentino locale i conti della Multiservizi, autovelox e costi della segreteria del sindaco

S. Marinella. Nuovo rinvio per l’approvazione del Pua: non è nei punti all’ordine del giorno del consiglio comunale del 27 giugno La prossima assise si occuperà solo di bilancio. Marongiu: «Dobbiamo ancora mettere a punto e concertare pareri diversi» Al vaglio del parlamentino locale i conti della Multiservizi, autovelox e costi della segreteria del sindaco

di CRISTIANO A. DEGNI

SANTA MARINELLA – Ancora una volta un rinvio. Il Pua, piano di utilizzo degli arenili, non riesce ad approdare in consiglio comunale.
La prossima seduta, in programma per mercoledì 27 giugno, si occuperà di bilancio consuntivo. Per il Pua è probabile un apposito appuntamento i primi giorni del mese di luglio. Secondo l’assessore responsabile del progetto, Roberto Marongiu, il problema è soltanto di «messa a punto, di concertazione di pareri». Dopo aver incassato il benestare delle associazioni imprenditoriali e di categoria adesso la palla è ferma negli uffici della Regione Lazio per i necessari nulla-osta. Secondo l’assessore Marongiu stavolta «non dovrebbero esserci problemi, si tratta solo di dover aspettare ancora un po’». Intanto la seduta di mercoledì si preannuncia ‘‘calda’’. Sul tavolo i mille problemi che il consuntivo 2006 si porta dietro. Per primo l’impatto sui conti dell’amministrazione comunale della gestione della società multiservizi. L’assessore al bilancio Fabio Iachini sarà oggetto di interventi da parte dei consiglieri di minoranza, non convinti che il nuovo sistema di gestione del personale e dei servizi abbia portato vere economie al bilancio comunale. Altro argomento su cui ci sarà molto da discutere è quello degli incassi relativi alle multe elevate attraverso gli apparati elettronici e della loro destinazione in bilancio. Qualcuno, infine, si dice già pronto a sollevare problemi circa i costi attribuiti alla segreteria del sindaco ed alle consulenze assegnate ad esterni all’amministrazione, tutti con cifre elevate e considerate non consone ad un bilancio di una città come Santa Marinella. Nell’attesa dell’apertura dei lavori del parlamentino è fermento nei partiti politici. Da una parte, i Ds stanno tracciando la strada verso il Partito Democratico. Giovanna Caratelli, segretaria dei Ds, spera in quest’occasione come il momento di «rinnovamento della politica a Santa Marinella». Dall’altra FI e An mettono a punto una strategia comune allo scopo di capitalizzare nelle prossime amministrative il grande successo ottenuto in città alle ultime elezioni politiche.

ULTIME NEWS