Pubblicato il

Anniballi: ''L’opposizione non fa il suo lavoro''

di CRISTIANO A. DEGNI

SANTA MARINELLA – «Finalmente l’acqua stagnante si muove».
Anche Fabio Anniballi decide di intervenire sulla ingarbugliata situazione politica venutasi a creare a Santa Marinella.
Anniballi, per inciso, è peraltro il portavoce del movimento politico “Il Pentagono” che recentemente si è reso protagonista di un accordo politico con il movimento “L’Ancora” che ha come riferimento Eugenio Fratturato.
«Ci ha colpito – prosegue Anniballi – la recente dichiarazione di Fratturato, da noi ampiamente condivisa, che accusa la minoranza di incapacità di creare una linea politica di opposizione. Vorremmo citare a proposito la mancata volontà dell’opposizione di contrastare, ad esempio, il passaggio del sistema idrico comunale all’Acea Ato2, in merito al quale noi un anno fa chiedemmo all’attuale amministrazione quali fossero le convenienze per i cittadini di questa operazione. Noi, stando ai dati in nostro possesso, non crediamo ci siano ma nessuno ci ha mai risposto».
Ma per Anniballi anche la controversa questione del nuovo municipio è ancora tutta da discutere. Anche per il Pentagono tutta la vicenda presenta infatti più ombre che luci, tanto da spingere il suo portavoce a fare alcune considerazioni.
Un difetto importante che Anniballi ha trovato alla procedura è, tra le altre cose, la scarsa chiarezza con la quale l’amministrazione comunale ha gestito finora tutto il processo di selezione del promotore e di gestione del project financing per la realizzazione della nuova sede comunale.
«Dopo aver saputo – dice ancora Anniballi – che persino i consiglieri di maggioranza si sono ribellati al modo con cui il sindaco Tidei gestisce ogni aspetto della vita della città ed espone anche la sua stessa maggioranza a decisioni sicuramente poco condivise esortiamo tutti i consiglieri comunali, di maggioranza e di minoranza, a decidere d’ora in poi con la massima indipendenza sulla fattibilità e sull’utilità di alcuni progetti inseriti nel programma. Quello che ci sta a cuore – conclude – è lo sviluppo della città ed il benessere dei nostri concittadini».

ULTIME NEWS