Pubblicato il

Anziana fermata mentre allattava un agnello morto

Immagine più tenera non esiste che vedere una donna allattare il proprio bambino. Poteva sembrare così anche ieri mattina, a piazza Calamatta, quando da lontano il quadro sembrava proprio essere quello. Solo che avvicinandosi sempre più alla panchina della piazza, l’immagine si faceva più nitida ed i dettagli erano via via più chiari, fino a destare stupore nei passanti e in chi, alla fine, è stato costretto ad intervenire.

Seduta infatti, in stato piuttosto confusionale, c’era una signora, sessantunenne, che stava sì allattando al seno, ma non un bambino quanto piuttosto un agnellino. Peraltro già morto. Ma lei non se n’era accorta e stava cercando di prendersi cura della bestiola.

Allertati dai passanti sono giunti sul posto prima gli agenti della Polizia Municipale, poi una pattuglia di Carabinieri della vicina Compagnia di via Sangallo i quali hanno tentato di parlare con la signora. La donna, scappata probabilmente da Firenze, secondo i primi accertamenti, è stata trovata in stato confusionale: non riusciva a spiegare perché si trovasse in città e da quanto tempo. Avrebbe raccontato ai militari e agli agenti intervenuti che l’agnellino era di una sua amica, che glielo avrebbe affidato. Ma lei, nonostante lo stesse allattando come fosse suo figlio, non si era accorta della sua morte. Allertati il veterinario, ma anche il centro di igiene mentale. Alla fine la donna è stata soccorsa da un’ambulanza e trasferita al reparto di psichiatria dell’ospedale San Paolo.

ULTIME NEWS