Pubblicato il

Autovelox, con le multe fondi per l&rsquo;Africa <br />

Santa Marinella. Stamattina il sindaco Tidei ha illustrato il progetto Il Comune donerà 50mila euro per una struttura di primo soccorso

Santa Marinella. Stamattina il sindaco Tidei ha illustrato il progetto Il Comune donerà 50mila euro per una struttura di primo soccorso

TIDEIS. MARINELLA – I soldi delle multe arriveranno fino in Africa. Stamattina il sindaco Pietro Tidei e due rappresentanti della congregazione delle Ancelle della Visitazione hanno esposto un progetto al quale le religiose stanno lavorando da tempo e che sarà finanziato dal Comune. «Abbiamo promesso di reinvestire nel sociale parte dei proventi dagli incassi derivanti dalle infrazioni al codice della strada rilevate con photored ed autovelox – ha detto Tidei – questo è un primo risultato concreto. Le suore delle Ancelle della Visitazione stanno realizzando in Camerun una costruzione di circa 500 metri quadri che ospiterà un posto di primo soccorso. Il costo delle sole attrezzature mediche supera gli ottantamila euro. Il Comune di Santa Marinella interverrà destinando a quest’opera 50mila euro prelevati dal fondo costituito dalle contravvenzioni stradali. Vorremmo fare di più – ha continuato il sindaco – Per questo motivo vorrei sensibilizzare tutte le aziende che lavorano sul territorio a donare un po’ di quello che riescono ad incassare per sostenere nel tempo il progetto». Presente alla conferenza anche Suor Vincenza, fondatrice della congregazione, che ha sottolineato la necessità di un intervento umanitario in zone dove si può morire per l’infezione di un foruncolo e dove spesso si muore anche di parto. «Per questo e data l’elevata frequenza di tali decessi abbiamo previsto nel nuovo fabbricato – ha detto la religiosa – una stanza proprio per seguire i parti con un’ostetrica qualificata». Le fa eco Suor Maria Maddalena che è anche medico: «Lo scopo della nostra iniziativa è il primo soccorso ma anche la cultura dell’educazione sanitaria in un posto dove si muore per aver bevuto acqua inquinata o mangiato cibi contaminati. Nella nostra missione assicuriamo la colazione ed un pasto a centinaia di bambini». Tidei partirà in settimana per una missione sul posto. (Cris. Deg.)

ULTIME NEWS