Pubblicato il

Carbonile, secondo la Finanza del Roan esiste "un possibile pericolo per l'ambiente e la salute"

Oggi i Reparto organizzativo anbientale ha interessato le autorità competenti, regionali e provinciali per chiarire la situazione 

Oggi i Reparto organizzativo anbientale ha interessato le autorità competenti, regionali e provinciali per chiarire la situazione 

TARQUINIA – Sul carbonile dell’Arcipretura a Tarquinia, la Guardia di Finanza del Roan vuole vederci chiaro. Oggi ha interessato le autorità regionali e provinciali, invitandole ad una attenta verifica e controllo della situazione. Secondo il Roan, che due settimane fa fece un blitz al deposito di carbone a cielo aperto, “esiste un possibile pericolo per l’ambiente e la salute pubblica”, anche alla luce della striscia di carbone che visibilmente viene lasciata lungo l’Aurelia durante il trasporto del combustibile fossile dal porto di Civitavecchia al deposito. Sul carbonile da giorni si rincorrono i botta e risposta tra l’Enel che si è offerta di avviare i lavori per la copertura del deposito e i movimenti no coke che sostengono, al contrario, che le dichiarazioni della società elettrica “sono strumentali, visto che ha disseminato carbonili a cielo aperto in tutta Italia”.

ULTIME NEWS