Pubblicato il

Cascata delle Marmore <br />per Luned&igrave; dell&rsquo;Angelo

Per trascorrere le vacanze pasquali con gli itinerari de La Provincia abbiamo scelto come meta lo spettacolo naturale delle Cascate delle Marmore. Situate a 7 km da Terni lungo la SS. 209 Valnerina, le cascate sono un’opera artificiale di sistemazione idraulica dovuta ai romani. Il fiume Velino infatti, si allargava negli anni precedenti il 290 a. C. creando vasti laghetti stagnanti e paludosi rendendo l’ambiente pericoloso e malsano. Il console Curio Dentato penso’ bene di far defluire queste acque putride scavando un canale che le convogliasse verso una rupe chiamata appunto Marmore (nome che deriva dal colore biancastro dei sali di calcio presenti sulle rocce); da lì l’acqua sarebbe precipitata verso l’alveo del fiume Nera per un salto complessivo di 165 metri. Al tempo l’opera fu celebrata come un grande evento e contribuì certamente a rafforzare il prestigio di Roma fra le popolazioni umbre da poco conquistate.
Ma la fantasia popolare alla storia preferisce sempre metterci un po’ di sana leggenda mitologica: si narra infatti che la ninfa Nera si fosse innamorata di un pastore, Velino, ma Giunone per punirla la trasformò in un fiume, la Nera. Velino disperato si gettò dalla rupe di Marmore per ricongiungersi all’amata: quel salto mortale sarebbe continuato per l’eternità.
Insomma, lo scenario tra finzione e realtà è di una bellezza sconvolgente che nei secoli ha affascinato scrittori e artisti e che sicuramente offre ai turisti tante attività che spaziano dall’escursionismo al rafting senza tralasciare ovviamente gli ottimi prodotti enogastronomici del territorio umbro. (www.cascatemarmore.it)
Mat.Mar.

ULTIME NEWS