Pubblicato il

Chiosco ‘‘Pura Vida’’, convalidato il sequestro

S. Marinella. Il Gip di civitavecchia ha ritenuto necessario il permanere della misura cautelare La magistratura indaga ancora sulle presunte violazioni urbanistiche

S. Marinella. Il Gip di civitavecchia ha ritenuto necessario il permanere della misura cautelare La magistratura indaga ancora sulle presunte violazioni urbanistiche

S. MARINELLA – Non c’e’ stato lo sperato dietro front; per questa stagione il chiosco ‘‘Playa Pura Vida’’ che si trova sulla spiaggia denominata ‘‘La Toscana’’, rimarrà chiuso. Il Gip di Civitavecchia ha infatti convalidato il sequestro eseguito martedì scorso da personale del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Civitavecchia. I carabinieri erano intervenuti a seguito di indagini sulla regolarità delle concessioni demaniali e marittime che consentivano l’esistenza stessa del chiosco sequestrato su quel tratto di litorale. Poiché si indaga ancora anche per ragioni di presunte violazioni urbanistiche, il magistrato ha ritenuto permanere l’esigenza cautelare e quindi sul posto rimangono ancora i sigilli. La stagione, per i ragazzi che lavoravano in quello che è tra i più suggestivi tratti di costa laziale, è finita prima di iniziare, anche se i titolari dell’attività promettono battaglie legali anche molto dure. Sono già partiti i primi ricorsi per far revocare le misure interdittive nonché chiedere i risarcimento dei danni subiti in quanto i ragazzi ritengono di essere nel giusto. I problemi adesso si rincorrono a valanga, anche per gli altri operatori del settore. Pare infatti che l’ufficio preposto al rilascio delle concessioni e licenze riguardanti le attività balneari e tutte quelle annesse abbia sospeso l’esame di ogni ulteriore permesso, rendendo priva di ogni effetto pratico la delibera di giunta con la quale si autorizzavano piccoli ampliamenti dei siti già utilizzati. Gli operatori stanno per scendere sul piede di guerra. (Cris. Deg.)

ULTIME NEWS