Pubblicato il

Cinema d'autore, Enrico Loverso e Giancarlo Giannini per rinserire il detenuto nella famiglia.  

di VIVIANA SERRA

 

Una giornata speciale interamente dedicata al cinema per i detenuti e le loro famiglie, all’interno della Casa di Reclusione, di via Tarquinia a Civitavecchia.

L’attuale direttrice della Casa di Reclusione, infatti, la Dott.ssa Silvana Sergi, nell’ambito delle sue competenze, ha attivato una serie di iniziative e proposte di carattere sociologico e culturale, volte alla rieducazione del reo all’interno della sua famiglia e della società.

Nell’ambito di queste attività sperimentali-educative, sabato scorso, nella Casa di Reclusione di via Tarquinia è stato proiettato un film d’autore del noto registra italiano, Paolo Cugno.

Il film drammatico, che è  tratto da una storia vera, è stato inserito all’interno di una manifestazione cinematografica ed è intitolato ” Salvatore, questa è la vita”.

La pellicola cinematografica è interpretata e diretta da personaggi eccellenti del nostro cinema contemporaneo come Enrico Loverso e Giancarlo Giannini.

Presenti nella sala, appunto,  per l’eccezionale proiezione lo stesso regista Cugno, tutti i detenuti e le loro entusiaste famiglie.

Un cinema di spessore, dunque, all’interno di una realtà dura, come quella della Casa di Reclusione di via Tarquinia, per permettere anche alla cultura,  di essere un mezzo indispensabile per la riabilitazione ed il reinserimento dei detenuti nella società, ma anche e soprattutto un modo per avvicinarli nuovamente alle  loro famiglie.

ULTIME NEWS