Pubblicato il

Circoscrizioni, scelti i presidenti

Il Patto per la città ha designato Pagliarini per la Prima, Frascarelli per la Seconda, La Rosa per la Terza e Masciani per la Quarta. Nell’Unione clamorosa decisione di Raffaella Bomboi: esclusa dalla candidatura, correrà da sola per la zona Aurelia. Al suo posto i Ds candidano Ballottari, gli altri sono Olivieri, Rossi e Tandurella

Il Patto per la città ha designato Pagliarini per la Prima, Frascarelli per la Seconda, La Rosa per la Terza e Masciani per la Quarta. Nell’Unione clamorosa decisione di Raffaella Bomboi: esclusa dalla candidatura, correrà da sola per la zona Aurelia. Al suo posto i Ds candidano Ballottari, gli altri sono Olivieri, Rossi e Tandurella

di MASSIMILIANO MAGRI’

Il Patto per la Città archivia agilmente l’argomento circoscrizioni, che invece nel centro sinistra torna a scatenare discussioni, ripianatesi in extremis. Si è infatti svolta questa sera la riunione per scegliere i candidati alla presidenza dei quattro organi decentrati, che ha visto la discussione arenarsi in più punti. Al centro del dibattito la guida soprattutto della Prima e della Terza, entrambe opzionate da Ambiente e Lavoro, ma ambite anche rispettivamente da Margherita e Socialisti. Dopo due ore di dibattito è prorpio la lista Civica a sciogliere i nodi ripiegando sulla Seconda, dove candiderà Gabriella Rossi, mentre in Prima a spuntarla è il partito di Valetino Carluccio con Yuri Olivieri. Meno difficoltosa invece l’assegnazione della Terza ai Socialisti Insieme, che hanno fatto il nome di Angela Tandurella, mentre la Quarta resterà ai Ds con Stefano Ballottari. Proprio sulla Quarta è da registrare però la rottura nella Quercia, alla luce della deicione presa dall’attuale presidente Raffaella Bomboi di correre con una lista autonoma, con tanto di accuse ai Ds, rei di aver tenuto nei suoi confronti un comportamento «scorretto». Il riferimento infatti è alla bocciatura della sua candidatura avvenuta in Direzione, durante la quale l’ha invece spuntata Ballottari per 25 a 20. Una sconfitta mal digerita dal presidente uscente, che si dice sorpresa del fatto «che il partito abbia deciso di non riproporre una candidatura che si è già dimostrata vincente. È evidente che qualcuno nei Ds ha voluto punirmi per la mia posizione, evidentemente troppo favorevole all’unità del partito. In ogni caso – conclude Bomboi – il mio desiderio è quello di portare a termine i numerosi progetti avviati e gli altri conclusi in questi mesi di amministrazione. Al territorio della Quarta assicuro una presidenza non legata ai partiti, ma al servizio esclusivo dei cittadini». Sul fronte del Patto per la Città risolutiva è stata la riunione di questo pomeriggio tra il candidato sindaco Gianni Moscherini e tutte le forze politiche che compongono la coalizione sulla ‘’mappa’’ delle candidature per gli organismi decentrati. L’esito del briefing avrebbe confermato i tre nomi già noti per i presidenti, ovvero Oriana Pagliarini per la Prima Circoscrizione, Giancarlo Frascarelli per la Seconda e Anna Rita La Rosa per la Terza. Inoltre sarebbe stato individuato il nome per la Quarta: Pietro Masciani. Anche lui, come gli altri, possiede il requisito principale richiesto dal Patto per la Città per i candidati: l’esperienza all’interno degli organismi decentrati. Masciani infatti, il cui nome è stato proposto da buona parte della coalizione, è stato candidato alla presidenza della IV nel 2001 con l’Udeur di Aldo Gatti, divenendo poi consigliere circoscrizionale. In seguito ha militato nello Sdi.

ULTIME NEWS