Pubblicato il

Civitavecchia-Orte, i comitati contro la pista ciclabile

CIVITAVECCHIA – Il destino della linea ferroviaria Civitavecchia-Orte continua a far discutere. L’emendamento presentato dai Verdi e approvato dal Governo, in cui si chiede di trasformare la tratta in una pista ciclabile, dopo aver fatto infuriare l’assessore ai Trasporti della Provincia di Viterbo Renzo Trappolini ha provocato la rabbia anche dei comitati per la riapertura della ferrovia. «Prima si riaprono le linee ferroviarie – hanno fatto sapere Gabriele Pillon e Giacomo Traini, membri rispettivamente del Comitato per la riapertura della Civitavecchia-Orte e del Comitato Promozioni Alto Lazio – e dopo si può anche pensare a fare le piste ciclabili. Altrimenti sarà l’ennesimo finanziamento a perdere per l’ennesima opera inutile. I cittadini della Tuscia chiedono infrastrutture e migliori collegamenti. Dare come risposta a queste richieste le piste ciclabili – proseguono i rappresentanti dei due comitati – è comportarsi come quel noto personaggio storico che al popolo affamato che chiedeva pane, affermò che intanto poteva mangiarsi le brioches».

ULTIME NEWS