Pubblicato il

Estorsione tra minori: arrestati genitori di Civitavecchia

Estorsione tra minori: arrestati genitori di Civitavecchia

TARQUINIA. Coppia bloccata dai Carabinieri del luogotenente Girelli Hanno aiutato il figlio a farsi consegnare denaro da un coetaneo al quale era  pure stato rubato il cellulare

TARQUINIA –   Si è presentato in caserma dei carabinieri, a Tarquinia, accompagnato dalla mamma e ha denunciato di essere stato vittima del furto del telefono cellulare da parte di un suo amico coetaneo, un quindicenne romeno residente a Civitavecchia. La giovane vittima, un minorenne anche lui romeno residente a Tarquinia, ha anche denunciato che, per poter rientrare in possesso del telefono, avrebbe dovuto consegnare all’autore del furto la somma di 150 euro, poi scontata a 100 euro. La madre della giovane vittima a sua volta ha riferito ai militari del luogotenente Stefano Girelli di aver contattato telefonicamente i genitori del piccolo estorsore, mettendoli al corrente dell’accaduto, ma questi, invece di rimproverare il figlio, hanno avvalorato la richiesta estorsiva promossa dal ragazzo, asserendo di aver ormai sostenuto delle spese per la sostituzione della batteria del cellulare in quanto esaurita. Ricevuta la denuncia, agli investigatori non è quindi rimasto altro che organizzare una consegna controllata del denaro, facendo fissare l’appuntamento in un luogo sicuro per la giovane vittima. Massimo è stato però lo stupore dei militari, quando all’appuntamento si sono visti presentare addirittura la madre del “piccolo ladro”, una 32enne romena, accompagnata dal convivente, un 57enne di Civitavecchia. Sono così scattate le manette per entrambi gli estorsori residenti nella città portuale. Il denaro e il telefono cellulare sono stati subito recuperati e restituiti al minorenne, mentre per i due adulti si sono aperte le porte del carcere di Civitavecchia. (a.r.)

ULTIME NEWS