Pubblicato il

Fondazione Cariciv e Schola Cantorum insieme per un'orchestra giovanile

FONDAZIONE«Questo è il momento giusto per proporre un simile progetto: far diventare protagonisti i giovani facendo nascere una vera a propria orchestra stabile cittadina». Ne è convinto il Maestro Piero Caraba che andrà a dirigere la nascente Orchestra Giovanile Didattica ‘‘Musicarmònia’’, promossa dall’associazione culturale musicale ‘‘Schola Cantorum’’, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio e di Ernesto Mojoli. «Suonare in un’orchestra non è affatto un ripiego – ha aggiunto – ma anzi è un’occasione importante per un musicista». L’obiettivo è quello di dar vita ad un’orchestra per archi e fiati a tutti gli effetti che avrà carattere stabile, e per la quale si prevede una costante attività artistico didattica con prove di sezione, prove d’insieme e concerti pubblici. Le selezioni inizieranno a partire dal 10 settembre ed il primo anno accademico avrà inizio nel mese di ottobre e terminerà a giugno del 2008. «Gli strumenti ammessi all’audizione sono violino, viola, violoncello, contrabbasso, flauto, clarinetto, oboe e corno – ha spiegato il presidente dell’associazione, Fabrizio Poletti – per i ragazzi, di età compresa tra i 16 ed i 28 anni e con almeno 4 anni di esperienza di studio dello strumento alle spalle, la partecipazione è gratuita e prevediamo la realizzazione di almeno tre produzioni concertistiche annuali». Ottimista si è detto il presidente della Fondazione Ca.Ri.Civ. Vincenzo Cacciaglia, il quale ha messo in evidenza l’originalità e l’importanza di un simile progetto sul territorio. «È un’iniziativa ambiziosa – ha spiegato – da promuovere anche nelle scuole e nelle università locali. Se curato in maniera adeguata, come penso che sia, si potranno vedere preso ottimi risultati». Le lezioni saranno ospitate all’interno dei locali e nel teatro della parrocchia della SS Trinità al Faro, il “paradiso” del parroco don Giuseppe Landi. «Vedo la parrocchia come una grande contenitore – ha spiegato – che vorrei riempire con attività spirituali, sociali e culturali. Non potevamo non rispondere con entusiasmo, quindi, a questo progetto che per noi è una benedizione».

ULTIME NEWS