Pubblicato il

Formate nove assistenti familiari

FONDAZIONEOtto mesi di corso, molte ore di lezione, intense, ed altrettante di tirocinio. E poi gli incontri con la geriatra, le tecniche di primo soccorso, lo studio per una corretta alimentazione e le modalità di somministrazione di farmaci. Infine il tanto temuto esame finale e questa mattina, finalmente, la consegna dei diplomi. Sono nove le nuove assistenti familiari, sette rumene, una russa ed un’etiope, che hanno preso parte al primo corso promosso dalla Caritas Diocesana e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia. «La carità è un impegno primario dell’annuncio del Vangelo, che va predicato con opere di misericordia, e questa ne è l’esempio – ha spiegato soddisfatto il vescovo, mons. Carlo Chenis, intervenuto alla cerimonia – sono sempre più richieste persone in grado di stare accanto a quelle che sono le fasce deboli della società, ma non ci si può improvvisare. E questo corso ha dato la possibilità a nove FONDAZIONEdonne di specializzarsi». Per loro si possono ora aprire le porte del mondo del lavoro. «Il progetto è senza dubbio importante – ha poi aggiunto il presidente della Fondazione Ca.Ri.Civ. Vincenzo Cacciaglia – ed ha una doppia valenza: da un lato rappresenta un punto di riferimento per gli stranieri che vengono in Italia, qualificando la loro professione e dall’altro garantisce la giusta assistenza ed il conforto ai più deboli». Il progetto, che potrebbe essere ripresentato alla Fondazione entro il prossimo 30 giugno, data di scadenza dei bandi, ha entusiasmato anche le neobadanti. «Speriamo – hanno concluso – che anche altri seguano il nostro esempio».

ULTIME NEWS