Pubblicato il

Gentili: "La Bretella non è un'opera indispensabile"

CIVITAVECCHIA – Egregio Presidente Ciani,
pur condividendo l’esigenza, di realizzare funzionali collegamenti tra il porto e l’entroterra del nostro territorio e quindi con l’intero Paese, ritengo che la bretella di collegamento tra il Porto di Civitavecchia e l’uscita Nord dell’autostrada A 12 non può essere annoverata tra le opere strategiche di cui il porto e la città necessitano.
Certamente non Le sfuggirà, avendo ricoperto precedentemente al suo attuale incarico l’importante carica di Assessore Regionale ai trasporti, che i collegamenti stradali e ferroviari indispensabili per i flussi commerciali e turistici del porto sono ben altri (Civitavecchia-Viterbo-orte e Civitavecchia-Grosseto).
Sono pertanto sorpreso delle sue dichiarazioni a sostegno della validità dell’attuale progetto presentato da Anas e soc. Autostrade che denotano una scarsa conoscenza, con la speranza che non si tratti di noncuranza, del dibattito relativo alla bretella A12-Porto che in questi anni ha coinvolto Movimenti e Partiti Politici, Associazioni e Comitati di cittadini e le Amministrazioni locali. In particolar modo le Circoscrizioni hanno prodotto Consigli aperti, delibere ed ordini del giorno che contengono interessanti considerazioni e proposte alternative.

Forse, Presidente Ciani, non conosce a sufficienza la realtà di cui le parlo, forse non sa:
– che l’autostrada, larga 26 metri con altissimi piloni di cemento armato dovrebbe passare, secondo l’attuale tracciato, nella vallata della “Fiumaretta”;
– che la vallata è stata oggetto di interventi di risanamento idrogeologico; di realizzazione di impianti sportivi e percorsi ginnici e naturalistici; di interventi di piantumazione e rimboschimento; di recupero delle strutture archeologiche presenti nell’area risalenti al vecchio acquedotto romano ristrutturato nel XVII secolo e delle settecentesche Mole Civiche.
– che ad oggi, per i suddetti interventi, sono state impiegate risorse pubbliche per circa 6 milioni di Euro e per il completamento sono previsti ulteriori finanziamenti;
– che al fine di tutelare l’area verde si è costituito un comitato civico denominato”Comitato di tutela Parco naturalistico della Fiumaretta” che ha consegnato, alle Istituzioni Comunali e Provinciali interessate, una petizione con la quale chiede di valutare l’evidente incompatibilità tra un Parco ed una Autostrada che lo attraversa e lo sovrasta.

Ritengo che l’Amministrazione provinciale, anche su richiesta dei gruppi consiliari della maggioranza che la governa, confermando l’impegno già assunto nel precedente piano triennale, abbia compiuto una scelta assolutamente responsabile; ciò non significa che i soldi pubblici vadano destinati ad opere inutili o addirittura dannose per il territorio.
Ben vengano gli investimenti nella nostra città, ben vengano le opere utili ma, perché non prendere atto che la bretella di collegamento con il porto esiste già? C’è qualche Amministratore che si chiede se sia possibile migliorare il collegamento con varianti meno costose, meno invasive e maggiormente rispettose del territorio, in grado di salvaguardare una delle poche aree verdi fruibili quali la vallata della “Fiumaretta” ed il suo parco urbano?
Confido nella sua disponibilità a partecipare ad un confronto con le realtà del territorio che sostengono le alternative a questo ennesimo sciagurato progetto che si vuole imporre alla nostra città.

Mauro Gentili

ex Presidente della 2^ Circoscrizione
esponente dei Verdi di Civitavecchia

ULTIME NEWS