Pubblicato il

Gianni De Paolis: «Si sentiva troppo sicuro di avere le spalle coperte»

DELa caduta del sindaco Saladini era già nell’aria durante la campagna elettorale. E’ quello che pensa Gianni De Paolis, che proprio da Saladini fu sconfitto al ballottaggio. «L’eccessiva “sicurezza” che lo ha distinto nelle apparizioni televisive – sostiene De Paolis – , è continuata anche dopo, forse alimentata dalla certezza di avere le spalle coperte da qualche dinastia che nella zona impera e detta le condizioni di vita per molti. A tutto questo si aggiunge la scarsa preparazione politico-amministrativa, nessuna propensione al dialogo costruttivo e paritario con le “opposizioni”, la corsa sfrenata delle maggioranze a ricoprire posti ed occupare posizioni remunerate, l’arroganza di molti esponenti, . Queste carenze potevano essere mitigate da una migliore volontà di rendere partecipi della vita politico-amministrativa cittadina sia i membri della maggioranza che quelli della opposizione, che più volte si sono dichiarate disponibili al dialogo nell’interesse di Civitavecchia. Insomma il Sindaco non è il “padrone” di una città, né il depositario del potere assoluto sulle persone che, in quanto tali, hanno diritto di esprimersi ed anche di contestare».

ULTIME NEWS