Pubblicato il

I lavoratori dell’Ama si ‘‘consegnano’’ in cantiere

di CRISTIANO A. DEGNI

Occhi di nuovo puntati sulla vicenda rifiuti, con i dipendenti del servizio che si consegnano in cantiere e Rifondazione Comunista che chiede un’intervento urgente dell’amministrazione comunale sulla questione Ama.
All’attenzione del partito santamarinellese l’adempimento degli obblighi contrattuali della multiservizi romana rispetto ai lavoratori, cittadini di Santa Marinella, che prestano servizio nel cantiere della Perrazzeta. I problemi sono suelli già denunciati dalle colonne de La Provincia, vale a dire visite mediche non svolte, abbigliamento non consegnato. «Dopo mesi e mesi – dice Prc in un comunicato – di continuo tira e molla tra il Sindaco, che ogni tanto vedeva la città più sporca e ogni tanto un po’ meno, e la società romana, ci sembra sia arrivato il momento di dare una risposta definitiva ai lavoratori e alla cittadinanza di Santa Marinella. Riveli finalmente il Sindaco la propria “strategia” su un tema così delicato che coinvolge anche le scelte sulla Multiservizi, la quale è ancora in alto mare e senza dirigenza, nonostante i proclami entusiastici dello stesso Tidei. Il Circolo di Rifondazione Comunista – conclude il comunicato – manifesta sin da adesso la propria contrarietà a qualsiasi ipotesi di aumento indiscriminato della TARSU, ennesimo provvedimento che penalizza le fasce più deboli della cittadinanza». Intanto oggi gli oerai che lavorano a Santa Marinella si sono quasi tutti consegnati nel cantiere in quanto privi dei dispositivi individuali di protezione. I dirigenti del cantiere hanno assicurato i lavoratori che in giornata sarebbero arrivate le scarpe nuove, ma i problemi sono anche altri. Si parla di pessime condizioni igieniche del luogo di lavoro, inosservanza delle norme sullo smaltimento dei rifiuti speciali, demansionamento dei lavoratori. È in programma uno sciopero degli operai già per il prossimo 10 marzo. Fa da sfondo al paesaggio una discarica abusiva a qualche metro dal cancello dell’impianto Ama. Eternit, materiale edile, motori di frigoriferi e lavatrici che nessuno, pur avendone i mezzi, si sogna, da tempo, di rimuovere o isolare.

ULTIME NEWS