Pubblicato il

I veri problemi dei pendolari

PENDOLARIIeri abbiamo letto su Civonline e la Provincia l’intervista ai sei candidati a Sindaco sul tema del pendolarismo. Ben vengano i buoni propositi e le idee innovative di metropolitane veloci e leggere, però, forse sarebbe opportuno tenere i piedi ben saldi a terra e cercare soluzioni realistiche e di immediata realizzazione. Parlare di un servizio metropolitano tra Civitavecchia e Roma potrebbe anche voler dire quadruplicare la linea con i tempi biblici che questo comporta. La nostra è una linea percorsa non soltanto dai treni regionali, ma anche dai treni merci e di lunga percorrenza. Noi, come Coordinamento dei pendolari di Civitavecchia ci stiamo battendo da tempo per chiedere l’istituzione di un treno diretto la mattina. Questo treno non è fantascienza. Nei vari incontri che abbiamo avuto con TRENITALIA ed RFI ci è stato confermato, come ad oggi, ci sono ancora delle tracce libere per inserire un treno diretto tra le 7.00 e le 8.30. E’ però necessario trovare le risorse finanziare per poter introdurre questo treno. Ci sono poi tutta una serie di problemi che non possono essere dimenticati. La mancanza di una copertura della piattaforma tra i binari 2 e 3. Oggi abbiamo delle pensiline adatte ad una fermata di un’autobus, ma non certo al marciapiede della stazione di Civitavecchia. La mancanza di un deposito bagagli.
La necessità di una videosorveglianza nel sottopassaggio dell’area Feltrinelli.
La necessità di rendere la stazione di Civitavecchia accessibile anche ai disabili.

Amedeo Caravani

ULTIME NEWS