Pubblicato il

In 5 anni immigrati aumentati del 127%

Duemilacinquecento immigrati nel 2006 con un incremento del 127% rispetto alle 1100 unità che si registravano nel 2001. Questo il dato di Civitavecchia emerso dal rapporto 2006 “Gli immigrati nella Provincia di Roma” presentato ieri mattina a Palazzo Valentini, dal presidente Enrico Gasbarra e dall’assessore provinciale alle Politiche Sociali Cluadio Cecchini. Presenti anche i curatori del volume Aldo Morrone, primario dell’Istituto San Gallicano, Giovanni Sgritta, ordinario di Sociologia de La Sapienza e Corrado Bonifazi, dirigente di ricerca del Cnr. «Nella sola provincia – ha dichiarato Gasbarra – si è passati dai 30.900 immigrati del 2001 ai 71.300 del 2006, con un incremento del 131%». Secondo Gasbarra, che ha definito la presenza degli immigrati come «una risorsa», l’incremento delle presenze nell’area romana deve «essere affrontato con le giuste risorse». Il presidente ha quindi ricordato che nell’ultimo triennio «la Provincia ha investito 17 milioni di euro – ha dichiarato – per i piani provinciali per gli immigrati” attraverso i quali sono stati realizzati diversi progetti, tra cui l’istituzione di 10 centri servizi per l’immigrazione». A Ladispoli si registrano 5400 presenze del 2006 a fronte della 2700 del 2001.

ULTIME NEWS