Pubblicato il

Indennità, in bilancio 190mila euro

Santa Marinella. E’ ancora bufera politica dopo la consegna delle deleghe da parte di Barbazza  Il Comune ha speso una cifra considerevole per i vari gettoni di sindaco e assessori. Quartieri invece aveva parlato di molte rinunce agli emolumenti Il presidente del consiglio all’assessore: «Si occupi di altro anziché pensare solo a S. Severa e al lungomare. E poi lui non era critico verso la maggioranza?»

Santa Marinella. E’ ancora bufera politica dopo la consegna delle deleghe da parte di Barbazza  Il Comune ha speso una cifra considerevole per i vari gettoni di sindaco e assessori. Quartieri invece aveva parlato di molte rinunce agli emolumenti Il presidente del consiglio all’assessore: «Si occupi di altro anziché pensare solo a S. Severa e al lungomare. E poi lui non era critico verso la maggioranza?»

SANTA MARINELLA – Dopo le dichiarazioni dell’assessore Fabio Quartieri, che ha detto alla stampa di devolvere in beneficenza il proprio compenso di assessore, e quelle del presidente del consiglio comunale Barbazza che si è detto disponibile a rinunciare all’indennità di carica, fanno sensazione anche le affermazioni di Quartieri secondo il quale molti assessori seguono il suo esempio in silenzio. Pare quindi che i gettoni, le indennità ed i compensi non interessino a nessuno, che la politica, almeno a Santa Marinella, venga fatta per il piacere di esserci e basta. I numeri, però, non dicono questo. Il conto consuntivo dell’anno 2006 porta altri, e ben diversi, importi. Alla voce ‘‘indennità di carica al sindaco e agli assessori’’ si legge la cifra di 177,247,57 euro. Alla riga successiva dello stesso documento, sempre a pagina 2, troviamo la spesa denominata “indennità di presenza per le adunanze del consiglio comunale” che riporta la somma di 10.260,00 euro. Ancora come ‘‘indennità di presenza per le adunanze delle commissioni’’ ci sono 2mila euro mentre per le ‘‘indennità di missione’’, sempre di sindaco, assessori e consiglieri, ci sono soltanto mille euro. Insomma circa 190mila euro che, dando ascolto alle dichiarazioni dei giorni scorsi, il Comune ha speso, ma in realtà non avrebbe incassato nessuno? Barbazza, dal canto suo, rintuzza gli attacchi di Quartieri. «Con il bilancio 2007 è stato finalmente possibile far partire la guardia medica permanente e istituire nuove borse lavoro – dice il presidente del consiglio comunale – Forse lui non ha necessità della sanità pubblica o era semplicemente molto distratto, occupato a seguire la colonia di Santa Severa e gli aspetti relativi alla spiaggia del castello. Prima che venisse approvato il Pua non era malcontento e critico verso la maggioranza? Dopo le modifiche ha trovato serenità e condivisione. Si occupi di altre questioni invece di lavorare solo per S.Severa e del lungomare, diventato irriconoscibile anche grazie al suo impegno amministrativo».

ULTIME NEWS