Pubblicato il

La storia di Santa Cecilia

di MATTEO MARINARO

 

La passio presenta Cecilia come una ragazza che viene data in sposa a un giovane pagano di nome Valeriano.
La notte successiva alle nozze rivela al marito di aver fatto voto di castità, donando la sua illibatezza a Cristo. Gli rivela inoltre di essere protetta da un angelo di Dio. Il giovane si convertirà e riceverà il battesimo da papa Urbano. Dopo poco tempo anche suo fratello, Tiburzio, riceverà il battesimo cristiano.
I due si adopereranno al servizio della Santa Chiesa per il pietoso ufficio della sepoltura dei martiri messi a morte dal prefetto di Roma, Turcio Almachio.
Quest’ultimo, volendo impossessarsi dei beni dei due fratelli, preleva Cecilia, la interroga e la condanna a morte. L’esecuzione prevedeva l’ustione per immersione in liquidi bollenti, ma lei ne uscirà illesa. Visto che il supplizio non aveva dato l’esito voluto ne viene disposta la decapitazione, ma sebbene il boia la colpisca tre volte, Cecilia sopravvive ancora per tre giorni, durante i quali riesce a distribuire tutti i beni ai poveri.
Verrà seppellita alle catacombe di San Callisto.

ULTIME NEWS