Pubblicato il

La timidezza di Romeo nella danza di Kledi Kadiu

di LUCA GUERINI

Il balletto “Giulietta e Romeo” di Sergej Prokofiev, uno dei piu’ famosi e amati del repertorio classico, sarà presentato questa sera alle ore 21 presso La Marina, nell’ambito della rassegna “Civitavecchiainfestival” dal Balletto di Roma, con le coreografie curate da Fabrizio Monteverde. Lo spettacolo, che muove i passi dalla celebre vicenda dei Montecchi e Capuleti e’ presentato in un nuovo allestimento ripensato per i due splendidi protagonisti: Noemi Arcangeli e Kledi Kadiu. Notissimo in Italia per le sue numerose apparizioni televisive come ballerino di “Buona domenica”, “C’e’ posta per te” e “Amici” Kledi Kadiu mostrerà al pubblico civitavecchiese la sua seria formazione classica. Gia’ nel 1989 Fabrizio Monteverde, nelle vesti di coreografo del balletto di Toscana, ebbe l’idea di ambientare la vicenda in un paese meridionale nel dopoguerra mettendo in luce sentimenti accesi e passionali e dando risalto ad una Giulietta vanamente ribelle alle tradizioni. La scena è costituita da un muro decrepito, accumulo di macerie, e sta ad indicare la tragedia lasciata alle spalle: un conflitto mondiale che ha cancellato per sempre “l’età dell’innocenza”, ribaltando schemi morali e convenzioni e annientando energie ed emozioni.
In un’Italia disperatamente assetata di passioni, che vuole dimenticare gli orrori del passato Giulietta, diventa il simbolo di un irresistibile desiderio di sfuggire alle regole di quel mondo e dagli obblighi imposti da una condizione femminile sottomessa, anche se poi resterà vittima proprio di questa sua irrefrenabile voglia di emancipazione. Romeo, invece, è un giovane timido, introverso, solitario, totalmente aperto al desiderio e alla curiosità dell’amore, vittima consapevole della volitiva irruenza della sua compagna.

ULTIME NEWS