Pubblicato il

Labate: "Occorre accertare i fatti nella loro interezza" 

Il Procuratore Capo invita alla prudenza in merito al caso dei presunti abusi su minore. «E’ doveroso sia tutelare il minore che definire le responsabilità». L’avvocato della famiglia del bimbo, Andrea Miroli: «Le dichiarazioni dell’alunno sono attendibili».

Il Procuratore Capo invita alla prudenza in merito al caso dei presunti abusi su minore. «E’ doveroso sia tutelare il minore che definire le responsabilità». L’avvocato della famiglia del bimbo, Andrea Miroli: «Le dichiarazioni dell’alunno sono attendibili».

di BARBARA LA ROSA

E’ un invito alla cautela quello rivolto dal Procuratore Capo Consolato Labate nel pronunciarsi sulla questione del giovane maestro civitavecchiese accusato di pedofilia. «Bisogna prestare molta calma ed attenzione – spiega il magistrato – quando ci si trova di fronte a simili episodi. Il reato in questione è molto grave, ed è per questo che i fatti debbono essere accertati nella loro interezza, senza tralasciare niente. Sono in gioco situazioni molto delicate. Da un lato è giusto tutelare il minore, dall’ altro è oltremodo doveroso accertare l’ eventuale responsabilità o estraneità dai fatti dell’ accusato. E poi c’ è il problema dell’ allarme sociale. Simili episodi scuotono e compromettono la tranquillità della comunità. Per questi motivi, prima di assumere qualsiasi decisione, è necessario avere un quadro probatorio ben delineato, che soltanto il proseguimento delle indagini saprà offrire». Con lo stesso atteggiamento TRIBUNALEdi calma e sicurezza l’ avvocato Andrea Miroli, legale della famiglia del minore, aspetta la fine delle indagini preliminari. «Confido al massimo nel lavoro degli inquirenti -afferma -si tratta di un fatto di una gravità estrema poichè coinvolge un minore che, proprio a causa di questa situazione è stato costretto ad allontanarsi dalla scuola. Ritengo che le dichiarazioni del bambino siano attendibili, anche perché rilasciate immediatamente dopo i fatti verificatisi a breve distanza l’ uno dall’ altro. Non posso assolutamente entrare nel merito della decisione del Gip, di concedere all’ accusato la misura dell’ obbligo di dimora in luogo di una più afflittiva. Ciò che è importante è tutelare il minore. Per questo – conclude l’ avvocato Andrea Miroli – in base agli elementi risultanti dall’ esito delle indagini, assumerò le determinazioni che riterrò più opportune per rappresentare al meglio le ragioni del mio assistito».

ULTIME NEWS