Pubblicato il

«A Dani negata la possibilità di voto contrario»

SANTA MARINELLA – Un attacco al modo di gestire democraticamente le istituzioni. Rifondazione Comunista giudica duramente il comportamento del sindaco Pietro Tidei e della maggioranza consiliare ma soprattutto spiega perché il consigliere di Prc Dani non ha lasciato la seduta insieme ai membri della minoranza. “Le perplessità esposte dalle minoranze erano state riconosciute dal Consiglio che così decideva di rinviare al 3 luglio la votazione dell’atto. Subito dopo il Sindaco, attaccando a testa bassa gli impiegati comunali, a cui ha promesso sanzioni disciplinari scaricando loro le colpe per il ritardo nella predisposizione degli atti, decideva unilateralmente di proseguire con la votazione. Dani rimasto in aula si è visto negare, dallo stesso Presidente del Consiglio, la parola per formulare la propria dichiarazione di voto contraria. Questo denota – conclude il comunicato di Rifondazione – oltre alla volontà di sottrarsi ad un confronto sulla questione del Bilancio, la grave situazione politica in cui versa la maggioranza.
Cris.Deg.

ULTIME NEWS