Pubblicato il

&laquo;Revochiamo la gestione al consorzio Ri.Rei&raquo; <br />

S. Severa. Oggi i lavoratori ex Anni Verdi hanno protestato sotto la sede della Asl a Civitavecchia. Domani sit-in in Regione I dipendenti della struttura sul piede di guerra per il mancato pagamento dello stipendio e la carenza dei servizi Robilotta: «L’azienda sanitaria faccia una gara regolare». Al presidio anche Moscherini e De Paolis

S. Severa. Oggi i lavoratori ex Anni Verdi hanno protestato sotto la sede della Asl a Civitavecchia. Domani sit-in in Regione I dipendenti della struttura sul piede di guerra per il mancato pagamento dello stipendio e la carenza dei servizi Robilotta: «L’azienda sanitaria faccia una gara regolare». Al presidio anche Moscherini e De Paolis

PROTESTAdi CRISTIANO A. DEGNI

SANTA SEVERA – La protesta di lunedì, che aveva visto i lavoratori impegnati nella struttura ex Anni Verdi di Santa Severa contestare pacificamente di fronte alla sede del centro assistenziale il consorzio che gestisce la struttura, si è spostata oggi a Civitavecchia, dove gli stessi lavoratori hanno svolto un sit-in sotto le finestre degli uffici della Asl RMF.
Una delegazione delle rappresentanze sindacali di base ha incontrato il direttore generale della Asl, Bigini; mentre la protesta si sposterà domani a Roma, sotto l’edificio che ospita la Regione Lazio. Numerosi gli attestati di solidarietà giunti ai lavoratori anche da parte dei candidati a sindaco di Civitavecchia Moscherini e De Paolis.
Il sindaco di Santa Marinella, Pietro Tidei ha affermato che la gestione del consorzio desta gravi preoccupazioni: «Sono a rischio posti di lavoro, non è rispettato il contratto collettivo nazionale di lavoro ed inoltre – ha dichiarato Tidei – si sono registrate ed evidenziate carenze nella gestione e nella qualità dei servizi offerti ai pazienti».
Tidei ha anche lanciato la proposta di un incontro urgente con i dirigenti regionali per affidare il servizio in gestione direttamente alla Asl, come previsto dall’ordinanza prefettizia di requisizione, o in subordine al Comune di Santa Marinella che secondo il sindaco Tidei sarebbe in grado di gestirlo attraverso la sua società multiservizi. «Così comunque non si può proprio andare avanti», questo il commento lapidario del sindaco diessino di Santa Marinella. PROTESTA
Il tema dell’internalizzazione, cioè della restituzione del servizio di assistenza direttamente alle Asl di competenza territoriale è diventato il filo conduttore delle agitazioni dei dipendenti e degli interventi che tutte le autorità hanno fatto registrare in questi giorni.
Anche l’onorevole Donato Robilotta, deputato regionale SR-RnP, ha incontrato i lavoratori davanti la Asl. «La soluzione che intravedo è una soltanto – ha dichiarato ai lavoratori – revocare l’affidamento al Consorzio, far gestire direttamente dalla Asl le strutture finquando sia stato emesso un bando di gara per la gestione del servizio e questo sia stato affidato ad un soggetto qualificato all’esito della gara stessa».

ULTIME NEWS