Pubblicato il

Maggioranza, l’Udc pronta ad uscire

di CRISTIANO A. DEGNI

Oltre trenta progetti. Questa è l’idea che ha Pietro Tidei per lo sviluppo a Santa Marinella. Un’idea a quanto pare soltanto sua, visto che almeno parte degli alleati di governo ne sono all’oscuro e, risentiti, ne denunciano il conflitto con progetti in corso.
È il caso dell’assessore alla costa Roberto Marongiu che ieri mattina, apprendendo di un piccolo scalo per dipartisti che l’amministrazione comunale starebbe per progettare in località “La Toscana”, è saltato sulla sedia: la realizzazione di opere a mare per 150 imbarcazioni, come ha dichiarato il sindaco, renderebbe vano ogni sforzo dell’assessore per assicurare uno spot ai surfisti nei pressi della parte di litorale interessata.
«Il progetto – ha dichiarato Marongiu – era stato già bocciato l’anno scorso quando era stato proposto dalla Lega Navale. È imbarazzante che un progetto bocciato sia stato fatto pubblicare a spese dell’amministrazione. Indubbiamente – dichiara sarcastico l’assessore – la mano destra non sa cosa sta facendo la sinistra. Se il sindaco, visto l’assessorato contrario, vuole intraprendere lo stesso questa via sappia, anche a mezzo stampa, che il sottoscritto si dimetterà immediatamente come assessore e chiederà al gruppo di appartenenza, l’Udc, di uscire dalla maggioranza. Mi ritengo – continua Marongiu – una persona seria, coerente e di parola con una sola faccia da spendere. Già una volta ho dovuto recuperare una brutta figura causata dal sindaco Tidei su Banzai Surf. Mi aspetto dal primo cittadino immediatamente delle scuse formali a mezzo stampa altrimenti le dimissioni mie e del gruppo Udc possono essere l’unica soluzione praticabile al problema».
L’assessore Marongiu si inserisce anche nella questione generata dai progetti recentemente presentati alla stampa dal sindaco. «Questi progetti non hanno avuto alcuna approvazione ne da parte della maggioranza ne da parte della giunta comunale. Richiamo quindi il sindaco, con l’occasione, ad un comportamento più corretto soprattutto nei confronti di chi è stato chiamato dai cittadini a far parte della coalizione che lo sostiene, nelle scelte strategiche per la città. Se questo non dovesse accadere si avvalorerebbe la teoria sostenuta da chi, come i Socialisti e la sinistra, ha già lasciato la maggioranza. Mi auguro che il sindaco Tidei – conclude Marongiu – non abbia più distrazioni di carattere politico inerenti il territorio del comprensorio ma si concentri solo ed esclusivamente nello svolgimento del ruolo di primo cittadino di Santa Marinella».

ULTIME NEWS