Pubblicato il

 Casaletto Rosso, non c'è accordo

Tarda ad arrivare il parere della Commissione Urbanistica sulla proposta di realizzare 300 alloggi tra il Fosso di Scarpatosta e il poligono La delibera di giunta parla di un programma integrato riguardante l’edilizia residenziale agevolata per le forze dell’ordine I capigruppo di minoranza proporranno al consiglio comunale un ordine del giorno per destinare l’area ad uso sportivo

Tarda ad arrivare il parere della Commissione Urbanistica sulla proposta di realizzare 300 alloggi tra il Fosso di Scarpatosta e il poligono La delibera di giunta parla di un programma integrato riguardante l’edilizia residenziale agevolata per le forze dell’ordine I capigruppo di minoranza proporranno al consiglio comunale un ordine del giorno per destinare l’area ad uso sportivo

CIVITAVECCHIA – Problemi in commissione Urbanistica, ieri mattina, quando è stato presentato per la quarta volta da Alvaro Balloni (Polo Civico), l’atto d’indirizzo della delibera di Giunta dello scorso 30 luglio, che prevede la costruzione di 300 alloggi per un totale di 140 mila metri cubi, inseriti nell’ambito dell’articolo 18 della legge 203, che prevede l’abolizione del vincolo di inedificabilità in caso di edilizia residenziale agevolata a favore delle forze dell’ordine per la lotta alla criminalità organizzata e al terrorismo. 58 degli appartamenti, che dovrebbero essere realizzati dalle ditte Napoli 18 e Edilcom, andrebbero in indirizzo sovvenzionato agli operatori di polizia, 42 in indirizzo agevolato dal contributo della Regione Lazio (tuttavia mancherebbe ancora il bando), mentre i rimanenti alloggi, sarebbero affidati al mercato libero. Undici fabbricati di sei piani, è in sintesi la proposta portata in commissione, che ha riscosso il diniego della maggioranza dei presenti, ad eccezione di Sbrozzi e Nunzi. Contrari al progetto che vedrebbe nascere nuove case in zona Casaletto Rosso, nell’area parallela alla variante Aurelia compresa tra il Fosso di Scarpatosta e il poligono, i consiglieri di minoranza Gatti, Perello e Guerrini, oltere a Fiorentini della maggioranza. L’opposizione lamenta essenzialmente il fatto che il programma integrato sia stato proposto senza concedere il tempo necessario per una valutazione, portato ripetutamente in commissione e mai messo ai voti da Balloni per timore che venisse ‘‘bruciato’’ dai numeri. Momenti di agitazione quindi ieri mattina all’aula Cutuli, mentre i capigruppo di opposizione, insieme ad altri tre della maggioranza, sarebbero pronti a proporre un ordine del giorno da portare in Consiglio Comunale, allo scopo di destinare l’area individuata ad uso sportivo e a zona verde, impedendo ogni nuova costruzione. Un progetto simile sarebbe già stato proposto negli anni scorsi in un comune della Campania, riscuotendo una bocciatura.

ULTIME NEWS