Pubblicato il

Non c&rsquo;&egrave; la maggioranza: salta il consiglio comunale a Santa Marinella&nbsp;<br />

 Giovedì sera assise rinviata a causa della mancanza del numero legale dopo l’abbandono dell’aula da parte dell’opposizione Assenti, oltre a Fratturato, i tre consiglieri della Nuova Dc, Marongiu, Quartieri e Maggi che prendono le distanze dal manifesto pro amministrazione «Il sindaco sordo alle nostre richieste di sviluppo della città. È ora di cambiare rotta»

 Giovedì sera assise rinviata a causa della mancanza del numero legale dopo l’abbandono dell’aula da parte dell’opposizione Assenti, oltre a Fratturato, i tre consiglieri della Nuova Dc, Marongiu, Quartieri e Maggi che prendono le distanze dal manifesto pro amministrazione «Il sindaco sordo alle nostre richieste di sviluppo della città. È ora di cambiare rotta»

S. MARINELLA – Maggioranza senza numeri, per la prima volta nell’era Tidei. Il consiglio comunale, giovedì sera, è saltato. Dopo un serrato dibattito che ha visto contrapposti il sindaco e il presidente del consiglio comunale Renzo Barbazza – oltre agli interventi critici di Venanzo Bianchi e Giovanni Dani -, il capogruppo di minoranza Bianchi, all’inizio dei lavori di discusione dei restanti punti all’ordine del giorno, si è alzato in piedi e ha dichiarato di voler abbandonare l’aula insieme a tutta l’opposizione. I numeri non hanno dato ragione al sindaco ed il segretario comunale non ha potuto far altro che dichiarare sciolta la seduta. Sono venuti a mancare i sostegni dei tre consiglieri della Nuova Dc, Marongiu, Quartieri e Maggi. Eugenio Fratturato, di cui tanto si è parlato in questi giorni relativamente ad un suo appoggio al sindaco, non era presente in quanto in vacanza fuori città ma la riconvocazine della stessa seduta pare faccia perno per la scelta del giorno, martedì prossimo, proprio sul rientro del consigliere dell’Ancora. Roberto Marongiu ha spiegato le ragioni della sua assenza. «La nostra assenza non è stata motivata dagli argomenti all’ordine del giorno ma da una reazione all’atteggiamento del sindaco, sordo alle nostre rihiete di sviluppo per la città. Ogni volta che abbiamo appoggiato un progetto nuovo, una priorità, il sindaco non ha fatto altro che rinviare il suo esame. Siamo consapevoli – continua Marongiu – che oggi i nostri concittadini ci chiedono di cambiare rotta, anche perchè Tidei non ha voluto prestare fino ad oggi la dovuta attenzione alle nostre istanze. Vogliamo che il sindaco si impegni sui veri problemi della città, sui bisogni della gente». Marongiu prende anche le distanze da un manifesto, affisso ieri mattina e siglato in modo collettivo «i consiglieri di maggioranza», nel quale si accusa la stampa locale di disinformazione, si conferma la piena fiducia al sindaco e l’impegno sul programma. Le voci di crisi che secondo il gabinetto del sindaco sono propalate ad arte trovano riscontro nei fatti. Riunioni serrate in attesa di Fratturato.
Cris. Deg.

ULTIME NEWS