Pubblicato il

Nove delibere approvate dopo le dimissioni di 11 consiglieri

S. Marinella. Non sono 50 i provvedimenti presi dal sindaco prima di essere sostituito con il commissario Ma il 4 ottobre alle 21 Tidei ha presieduto la giunta e l’assemblea dei soci della multiservizi

S. Marinella. Non sono 50 i provvedimenti presi dal sindaco prima di essere sostituito con il commissario Ma il 4 ottobre alle 21 Tidei ha presieduto la giunta e l’assemblea dei soci della multiservizi

di CRISTIANO A. DEGNI

S. MARINELLA – Non sono cinquanta, ma sono soltanto otto le delibere che la giunta ha prodotto tra il 4 ed il 5 ottobre esattamente dopo il deposito delle firme di dimissioni di undici consiglieri comunali e prima della ricezione del fax con il quale il Prefetto di Roma decretava lo scioglimento del consiglio comunale di Santa Marinella.
E per l’esattezza sono due le delibere approvate dalla giunta nella seduta che si è tenuta alle 21 del 4 ottobre, presenti il sindaco Tidei e gli assessori Iachini, Fronti, Fiorelli e Trebiani. Si tratta delle delibere 357 (Redazione piano di recupero Colfiorito e Belvedere, atto d’indirizzo) e 358 (contributo CRI Santa Severa).
Il giorno dopo, alle 15, il sindaco e gli stessi assessori hanno approvato invece le delibere 359 (variazione di bilancio), 360 (mini ospedale in Camerun), 361 (indirizzo programmatico alla SMS per mantenimento verde pubblico), 362 (realizzazione caserma Carabinieri, approvazione progetto preliminare), 363 (variazione di bilancio) e 364 (incarico per acquisizione accessi a mare). Dalla sola lettura dei titoli delle delibere non è citata la stabilizzazione dei lavoratori precari della multiservizi cittadina.
Di precari, invece, si è parlato nelle riunioni di assemblea dei soci e del cda che la società ha tenuto sempre il 4 ottobre, giorno del deposito delle dimissioni dei consiglieri comunali, la sera alle 21. Caso strano la presenza del sindaco Tidei appare certificata, sempre alle 21, sia nel verbale di giunta sia in quello assembleare della multiservizi. L’assemblea quindi impegna la società – a mente del verbale sottoscritto con i sindacati a settembre -, a «procedere alla stabilizzazione del personale dipendente già assunto entro la data del 31 dicembre 2006 con decorrenza 1 novembre 2007». Non viene spiegato cosa significhi stabilizzare, ma sicuramente saranno prese tutte le migliori condizioni per tutelare il personale impiegato nella multiservizi.

ULTIME NEWS