Pubblicato il

Oltre 4.000 visitatori per ''Le Stanze del Mare'' di Benaglia

Successo della mostra di pittura organizzata dalla Galleria Michelangelo di Fabio Cozzi

Successo della mostra di pittura organizzata dalla Galleria Michelangelo di Fabio Cozzi

ENRICOHa chiuso lunedì 15 gennaio, con grande soddisfazione da parte dell’organizzatore Fabio Cozzi, la mostra di Enrico Benaglia al Maschio del Forte Michelangelo.
Una cinquantina di opere tra pitture, sculture e incisioni che hanno raccontato, alla maniera ironica e sognatrice del maestro Benaglia il mare e le sue attività, osservate dalla terra ferma. Una mostra che ha accolto nei vari piani del bastione oltre 4.000 visitatori. Tanti sono stati infatti coloro che hanno lasciato una firma o una dedica sul registro all’ingresso dell’esposizione, parole di apprezzamento per la visione onirica che l’artista romano ha proposto nelle sue opere, molte direttamente ispirate alla sua prima visita, da bambino a Civitavecchia, quando arrivò tenendo per mano il padre, ammirato e stupito di tutta l’attività che ferveva nello specchio d’acqua del porto.
 
“Non posso che dirmi soddisfatto dell’andamento di questa mostra – commenta Fabio Cozzi, direttore della Galleria Michelangelo che ha ideato e allestito la mostra – l’alto numero delle presenze conferma, a mio avviso, una richiesta di eventi culturali di qualità come quello che abbiamo organizzato. Desideravo da tempo proporre una mostra di livello come ne organizzo in altre città d’Italia, da Siena a Napoli, ma fino ad ora le mie proposte non avevamo trovato interlocutori in grado di apprezzare lo sforzo organizzativo e professionale. Sono contento di aver finalmente trovato nel sindaco Saladini un promotore della cultura in grado di comprendere, apprezzare e sostenere un’iniziativa come questa”.
 
Tra gli ultimi visitatori della mostra c’è stato un ospite di tutto riguardo come l’artista Ennio Calabria che ha apprezzato non solo le opere di Benaglia ma anche l’allestimento e l’esposizione curate da Fabio Cozzi per l’occasione.
 
“Avevo intenzione di portare a Civitavecchia altre mostre con altri validissimi artisti del panorama italiano contemporaneo – spiega Cozzi – nomi come Calabria, Provino e Sughi che già espongono per la nostra Galleria. Prima di affrontare un altro impegno dovrò però accertarmi di avere dall’Ufficio cultura una cospicua collaborazione. Infatti se, da un lato, ho trovato un clima di affidabilità e disponibilità da parte del personale, dall’altro ho riscontrato un’inspiegabile ostilità, se non addirittura un ostacolo nel dirigente Ivan Macrì, la cui mancanza di rispetto nei confronti del nostro lavoro ha quasi rischiato di compromettere gli ottimi rapporti con l’amministrazione del sindaco Saladini”. 
ULTIME NEWS