Pubblicato il

Palestre scolastiche, le precisazioni di Romagnuolo

Con deliberazione della G.M. n. 116 del 02/08/2007 che ha approvato lo schema di bando e ha determinato il nuovo canone orario fissato in €. 5,00 per l’utilizzo delle palestre scolastiche comunali si è ritenuto ricorrere a procedura ad evidenza pubblica che precostituisse le condizioni di utilizzare criteri oggettivamente quantificati di formazione delle graduatorie. Bisogna tener presente che fino ad oggi la concessione delle palestre scolastiche in uso alle Associazioni sportive si è materializzata in difetto di regolamentazione dei criteri, di ammissione e preferenziali, tramite i quali poter selezionare le compagini richiedenti. Il Settore Sport e Attività Ricreative ha ben chiaro il dettato dell’art. 61, comma 1, lettere b)d)e f) del Regolamento delle Circoscrizioni comunali, tanto è che ai vari incontri che si sono tenuti prima della formalizzazione della predetta proposta di deliberazione sono state invitate tutte le quattro Circoscrizioni territorialmente competenti oltre ai vari Dirigenti scolastici competenti , al fine di assicurare un più preciso e completo monitoraggio dell’utilizzo delle palestre scolastiche insistenti nei plessi ricadenti sotto la giurisdizione delle Dirigenze scolastiche in ordine anche alla fruizione “esterna”, nell’ambito dei Pof, dei predetti impianti. Si ritiene non inutile segnalare la connotazione di urgenza che ha precostituito il ricorso a detta procedura ad evidenza pubblica, sia per non creare nocumento alle Associazioni richiedenti, stante l’imminente inizio dell’attività sportiva, sia perché ad oltre 10 anni dalla approvazione del Regolamento delle Circoscrizioni, risulta che mai nessuna di esse abbia provveduto alla regolamentazione o emanazione di bandi, o abbia preso iniziative in ordine alla più volte invocata competenza circoscrizionale. Ancor più pretestuosa sembra la cosa alla luce del fatto che tutte le compagini richiedenti hanno ottenuto gli spazi richiesti senza ricorsi o contenziosi e hanno potuto iniziare l’attività sportiva programmata. E questo, mi piace sottolinearlo, non è soltanto merito dell’Assessorato, bensì di tutti gli uffici che in questo progetto sono stati coinvolti, anche le Circoscrizioni.

ALESSIO ROMAGNUOLO
Assessore allo sport

ULTIME NEWS