Pubblicato il

Partito democratico, tutti contro Tidei

S. Marinella. Martedì sera si è svolta la prima riunione del coordinamento per il Pd Mariani: «Dobbiamo rinnovare la classe dirigente»

S. Marinella. Martedì sera si è svolta la prima riunione del coordinamento per il Pd Mariani: «Dobbiamo rinnovare la classe dirigente»

SANTASANTA MARINELLA – Una grande partecipazione di iscritti, simpatizzanti e semplici cittadini curiosi. Il partito Democratico di Santa Marinella non è ancora nato ma sa già distribuire emozioni a piene mani. Tanti i nomi forti a cominciare da Pietro Tidei che, da sindaco, ha giocato in casa. A seguire Gino Ciogli, Maurizio Mariani, Gino Saladini, Samuele Anselmo, Flavio Magliani, Fabio Quartieri, Fabio Angeloni. La discussione aperta dai tre membri del coordinamento cittadino Bruno Zampa, Nadia De Angelis e Guido Nicosia ha avuto un tono sempre molto elevato ed ha messo in luce come sia difficile, per la cosiddetta società civile, avere il sopravvento sulla classe politica. In contrasto su tutti i ragionamenti l’intervento di Pietro Tidei che per i relatori ha posto ogni discussione su un piano squisitamente personale ed ha svolto una difesa d’ufficio, peraltro accorata come nel suo stile, della politica così come si è considerata finora. «Il Partito democratico – ha detto Tidei – nasce da un grande equivoco. Se tutto fa schifo dobbiamo mandare tutti a casa, la vera novità è l’età della nuova classe dirigente? Allora anche Veltroni, D’Alema e la Bindi sono in errore? Dobbiamo rifondare la politica su nuovi valori, considerare il Partito Democratico un arcipelago di idee, un partito da non progettare a tavolino ma insieme al popolo delle primarie». Gli ha fatto eco Fabio Angeloni: «La politica non si fa nel salotto di Bruno Vespa ma nasce dalla consultazione continua della gente. Noi siamo tra quelli che vorrebbero contribuire e partecipare». Secondo Mariani: «Noi siamo quelli che devono fare la differenza dando l’esempio, associarci per il rinnovamento della classe dirigente e per dare nuovo impulso ad importanti battaglie civili». Più pacato il tono di Giovanna Caratelli, segretaria cittadina dei Ds. «La mia partecipazione al Pd deve essere intesa a titolo personale. Ritengo che rivendicare esperienze ed appartenenze è ora antistorico». Entro il 19 settembre la presentazione delle liste. (Cris. Deg.)

ULTIME NEWS