Pubblicato il

Pd, cambiamenti nei nomi in lista

Nei Democratici per Veltroni spunta il nome di Mariani al quinto posto, nella posizione lasciata vuota da Mauro Guerrini

Nei Democratici per Veltroni spunta il nome di Mariani al quinto posto, nella posizione lasciata vuota da Mauro Guerrini

di MASSIMILIANO MAGRI’

Il percorso che porterà alla costituzione del Partito Democratico, evidenzia sempre di più i tratti ripidi della salita. A liste ormai definite, rimangono le cicatrici causate dallo scontro interno alla Margherita tra Rutelliani e Popolari, due compagini in fermento fin dalle prime battute politiche che hanno caratterizzato l’avvio di una convivenza tutt’altro che facile. Da una parte c’è Peppino Cammilletti che rivendicando una maggiore quota alla corrente popolare, di fronte alle posizioni prese a Roma venerdì notte da Milana a favore dei Rutelliani di Valentino Carluccio, ha preferito ripiegare su di una lista alternativa, che lo vedrebbe ora in ultima posizione «L’ho scelto io – ha fatto sapere – per far spazio finalmente al nuovo». Ha così raccontato i retroscena della notte dei lunghi coltelli, affermando che l’accordo tra le parti parlava di due popolari ed un solo rutelliano all’assemblea regionale, e della Dutto capolista al nazionale. «Tutto filava bene fino all’incontro tra Marani e Di Carlo – ha riferito Cammilletti – da qui la sorpresa: Rita Stella al posto del sindaco di Manziana». Un colpo di coda imprevisto quello dei Rutelliani che ha portato l’ex sindaco di Allumiere a dire basta «In trent’anni di politica – ha affermato rammaricato – mai nessuno da Roma si è permesso di imporci degli schemi, questo modo di fare non ci piace». Non ha voluto commentare più di tanto la vicenda il coordinatore della Margherita Valentino Carluccio, autore se vogliamo della bagarre sui nomi prima individuati e subito dopo modificati «Mi sono già gettato tutto alle spalle – ha fatto sapere – ho giustamente tutelato una componente valida come quella dei Rutelliani, ora – ha concluso – lavoreremo sodo in vista delle primarie del 14 ottobre. Nel pomeriggio di ieri, al quinto posto per il regionale è comparso il nome di Maurizio Mariani, ipotesi che potrebbe evocare un accordo con Mauro Guerrini, che stranamente ha rinunciato alla posizione in nome di indecifrabili ideali. Lo stesso Mariani si è detto poco informato sui fatti, mentre al suo posto ha avallato la tesi del tempismo il Tideiano Fabio Angeloni, smentendo le voci circolanti che parlavano di riapertura off limits della lista.

ULTIME NEWS