Pubblicato il

Per Paliotta una maggioranza allargata <br />

Ladispoli. Colpo di scena per la composizione del nuovo consiglio: già si parla di ‘‘salti della quaglia’’ Nardino D’Alessio, eletto nell’Udc, pronto a lasciare lo scudo crociato per entrare nel centrosinistra con la Margherita I seggi: cinque ai Ds, due al Dl, uno rispettivamente al Prc, Verdi, Socialisti, e alle due liste civiche Ciogli e Paliotta

Ladispoli. Colpo di scena per la composizione del nuovo consiglio: già si parla di ‘‘salti della quaglia’’ Nardino D’Alessio, eletto nell’Udc, pronto a lasciare lo scudo crociato per entrare nel centrosinistra con la Margherita I seggi: cinque ai Ds, due al Dl, uno rispettivamente al Prc, Verdi, Socialisti, e alle due liste civiche Ciogli e Paliotta

di CRISTIANO A. DEGNI

LADISPOLI – La consiliatura dell’era Paliotta si appresta a partire già con un piccolo colpo di scena. Il consigliere comunale Nardino D’Alessio, eletto tra le fila dell’Udc, si appresterebbe a lasciare lo scudocrociato per approdare alla Margherita, passando quindi dall’opposizione alla maggioranza. Questa la ragione per la quale oggi ambienti vicini al sindaco Paliotta parlavano di maggioranza numericamente consistente facendo riferimento a 14 consiglieri, compreso il sindaco, contro 7. Infatti gli eletti in minoranza, tolto il consigliere dell’Udc, sono proprio sette. Comunque, e salvo rinunce ed avvicendamenti dell’ultim’ora, ecco l’elenco dei nuovi consiglieri comunali di Ladispoli. Il partito più votato è stato quello dei Ds che fa eleggere Sinatti, Russi, Ascani, Leccesi e Battilocchi. Due consiglieri alla Margherita, Esigibili e Caredda. Un consigliere per Prc, Di Girolamo, uno per i Verdi, Garau, uno per i Socialisti, Gandini, uno alla lista civica Insieme per Ladispoli, Ciogli, ed uno alla lista civica per Paliotta Sindaco, Lauria. La minoranza invece, oltre il candidato sindaco Ruscito, può contare su tre consiglieri di Forza Italia, Penge, Fioravanti e Asciutto, mentre anche tre sono gli eletti di Alleanza Nazionale, Voccia, Ardita e Moretti. Il candidato sindaco del centro, Marco Pierini, vero protagonista di questo turno di ballottaggio e forte del 17% guadagnato al primo turno non è riuscito a far scattare il quorum che gli consentisse l’ingresso in consiglio. «Le vittorie del centrosinistra a Ladispoli e a Tarquinia sono risultati importanti in un tratto di litorale, dove è necessario rilanciare le politiche di governo improntate a uno sviluppo sostenibile». Questo quanto dice in una nota il capogruppo dei Verdi alla Regione Lazio, Enrico Fontana che sottolinea anche come, con un affermazione pari al 5,2% dei voti, i Verdi siano riusciti a tornare in consiglio comunale a Ladispoli. «E’ un risultato – sostiene Fontana – che segue di due settimane l’affermazione del Sole che ride a Civitavecchia, con il ritorno in Comune dopo 12 anni. Questi risultati confermano che posizioni politiche chiare come il no al carbone, accompagnate da un reale impegno, vengono premiate dai cittadini».

ULTIME NEWS