Pubblicato il

Polmare: sequestrati oltre 45 mila euro in contanti

Una pistola occultata in uno stivale all’interno di una borsa, i proiettili nascosti in un calzino, euro, dollari e sterline per un valore complessivo di 45 mila euro nell’altro calzino. E ancora grimaldelli, carte di identità falsificate, orologi in oro e brillanti, spille, bracciali, catenine e gioielli vari per un valore ancora da quantificare in maniera precisa ma non al di sotto di cento o duecento mila euro. Inoltre moltissime monete e medaglie da collezionisti. Questa la refurtiva sequestrata dalla Polizia di Frontiera nel corso dell’operazione denominata “El matador”, che ha visto impegnati gi agenti nella notte tra martedì e mercoledì. Oltre due mesi di indagine, partita da controlli incrociati con le liste dei passeggeri a bordo nave, hanno portato all’arresto di un cileno e alla denuncia a piede libero di un suo connazionale, entrambi pluripregiudicati per rapine, furti e ricettazione. I due sono stati fermati insieme a due donne italiane, entrambe in stato interessante, che nascondevano invece la refurtiva, abilmente suddivisa per cercare di passare inosservate. I quattro risiedono ad Ostia e sarebbero anche collegati con alcuni esponenti della criminalità del posto; tornavano troppo spesso dalla Spagna, POLMAREsenza mai però partire in nave da Civitavecchia. Proprio a Barcellona, e su questo stanno tuttora lavorando gli inquirenti, avrebbero compiuto il 1 settembre scorso, una rapina a mano armata da 50 mila euro. Non solo. Gli agenti della Polizia di Frontiera puntano l’attenzione anche sulla pistola, rubata diversi anni fa a Milano, per verificare se e dove abbia sparato di recente, e sulle carte di identità falsificate, una delle quali rubata in un appartamento di Ostia a giugno. Lo stesso in cui sono stati rubati anche armi e fucili, regolarmente detenuti dal proprietario. In attesa dei riscontri oggettivi, relativi alle denunce di furto dei molti gioielli trovati, la Polmare ha intanto interessato del caso anche l’Interpol, per avere ulteriori riscontri e poter ampliare dunque le indagini.

ULTIME NEWS