Pubblicato il

&quot;Confrontiamoci per la tutela della salute&quot; <br />

Il primo cittadino faccia a faccia coi no coke: «Posizioni distanti, ma lavoriamo insieme». Fusi i progetti sulla cartella clinica della città e sul registro dei tumori. A settembre nuovo incontro sul monitoraggio della qualità dell’aria 

Il primo cittadino faccia a faccia coi no coke: «Posizioni distanti, ma lavoriamo insieme». Fusi i progetti sulla cartella clinica della città e sul registro dei tumori. A settembre nuovo incontro sul monitoraggio della qualità dell’aria 

«Certamente tra la mia visione delle cose e quella dei no coke restano molte distanze, tuttavia questo non significa che l’Amministrazione non è aperta al contributo di tutti».
Così il sindaco Gianni Moscherini che, ieri sera ha incontrato a Palazzo del Pincio i rappresentanti di due gruppi storici contrari alla riconversione di Torre Nord, ovvero il Comitato No al Carbone e il Movimento No Coke.
«E’ stata una riunione improntata alla massima franchezza e alla concretezza, come piace a me – ha sottolineato il Sindaco –e sono contento di poter dire che si è cercato e trovato un terreno di confronto comune nell’interesse della tutela della salute, non come cosa astratta ma come realtà concreta da realizzare attraverso i giusti strumenti. In tal senso, abbiamo fuso insieme i progetti già preparati, quello delle grandi intese sulla cartella clinica della città e quello dei no coke sul registro dei tumori. Ma spero anche che da parte dei no coke ci sia disponibilità a lavorare attivamente per l’Osservatorio Ambientale, l’efficacia dell’azione del quale deve essere radicalmente migliorata attraverso la partecipazione delle Università e il cambiamento stesso della sua natura, che dalla politica deve passare alla ricerca».
«Entro la prima decade di settembre – ha annunciato Moscherini – torneremo ad incontrarci, per analizzare le carte, con l’obiettivo di individuare le giuste modalità per effettuare il monitoraggio della salute in città. Sarà anche l’occasione per l’individuazione e lo studio di iniziative destinate a rendere i sistemi di monitoraggio dell’ambiente autonomi e strettamente scientifici».
Nessun cambiamento comunque rispetto alla linea programmatica dell’Amministrazione Comunale. «Dobbiamo diventare da primo territorio per i danni subiti dall’olio combustibile a primo territorio in cui si sperimenta e si applica l’energia da fonti rinnovabili. C’è lo strumento del piano energetico presentato all’Ue da Angela Merkel, che prevede la riduzione del 60%, entro vent’anni, dell’utilizzo dei combustibili fossili nella produzione. Ebbene, a Civitavecchia vogliamo che la riduzione sia del 100% e questo è il momento per fissare tempi e modalità dell’intera operazione».

ULTIME NEWS