Pubblicato il

"Sanità, il problema va risolto a monte"

La conferenza dei Sindaci della Asl RmF si è riunita dopo mesi di fermo. I rappresentanti dei Comuni andranno in Regione per discutere della drammatica situazione finanziaria dell’azienda. Sarà Civitavecchia a formalizzare la richiesta d’incontro che potrebbe avvenire entro 15 giorni

La conferenza dei Sindaci della Asl RmF si è riunita dopo mesi di fermo. I rappresentanti dei Comuni andranno in Regione per discutere della drammatica situazione finanziaria dell’azienda. Sarà Civitavecchia a formalizzare la richiesta d’incontro che potrebbe avvenire entro 15 giorni

di MATTEO MARINARO

Andare in Regione, i 28 sindaci interessati e la Asl RmF, per discutere della drammatica situazione dell’Azienda a livello finanziario e di risorse umane. E’ questo quello che si sono ripromessi questo pomeriggio i partecipanti alla Conferenza dei Sindaci convocata dopo diverso tempo ed ospitata all’aula Cutuli del Pincio. A dir la verità non erano presenti tutti i 28 sindaci del comprensorio, ma quelli che vi hanno preso parte avevano le idee piuttosto chiare. «La Asl RmF è in difficoltà – hanno spiegato Tidei, Camilletti, Ciogli e gli altri – bisogna agire con un atto politico istituzionale, incontrando quindi gli assessori competenti e trovando con loro una via d’uscita necessaria in grado di implementare l’azione finanziaria sulla Azienda. D’altronde chi ne subisce le conseguenze è poi l’utenza e senza risorse è difficile andare avanti». Ieri infatti si è anche discusso su una bozza di Piano Aziendale che prevede, tra l’altro, l’istituzione il prossimo anno del reparto di oncologia al San Paolo, ma come poi ha sottolineato il direttore sanitario della RmF Concetto Saffioti, «se prima non si risolvono i problemi a monte non è semplice riuscire a garantire servizi efficienti e di qualità per l’utenza. La nostra – ha aggiunto – è una Asl sotto finanziata, con bassissime percentuali di personale ed operatori rispetto alle altre aziende della Regione. Sono quindi presenti evidenti problemi tecnici nell’erogare i servizi». Ora tutto è nelle mani del comune capofila, e quindi Civitavecchia, che ovrà al più presto formalizzare la richiesta di incontro il Regione. Incontro che potrebbe avenire anche tra quindici giorni.

ULTIME NEWS