Pubblicato il

Sacerdote "generoso" riconsegna alloggio al Pincio

CIVITAVECCHIA – Si è conclusa in maniera pacifica la vicenda che ha visto contrapposti per alcune settimane l’Assessorato ai Servizi Sociali ed un prete civitavecchiese. Negli anni scorsi il Comune consegno alla perpetua del sacerdote un appartamento in via Colle dell’Olivo, ma l’abitazione rimase vuota a lungo, fino a quando l’Assessore Chiara Guidoni, dopo gli accertamenti eseguiti dalla Polizia Municipale che descrissero l’alloggio come un locale inutilizzato, pensò di riassegnarlo ad altre persone bisognose, prima tra tutte una giovane coppia che da oltre un anno vive all’interno di una roulotte. Inizialmente il prete e la perpetua non ci stettero e minacciando azioni legali rifiutarono di restituire l’appartamento. Natale però è fatto anche di solidarietà e un sacerdote questo lo sa bene. Così l’epilogo felice per una situazione che non lasciava presagire nulla di buono. Il religioso, dopo aver compreso il reale bisogno della coppia alla quale sarebbe andata la casa disabitata, ha pensato bene di fare un passo indietro, lasciando ai Servizi Sociali la facoltà di intervenire a sostegno della famiglia disagiata. Il prossimo 8 gennaio riconsegnerà le chiavi di casa, così da poter consentire a marito e moglie di vivere in condizioni quantomeno normali. «Un gesto che mi aspettavo – ha commentato così l’episodio l’Assessore ai Servizi Sociali Chiara Guidoni Foschi, abituata ad incontrare ben altri ostacoli quando si tratta di riappropriasi di case popolari – d’altronde la magnanimità dei sacerdoti è risaputa».

ULTIME NEWS