Pubblicato il

Santa Marinella, aperta la crisi<br />

Dopo il consiglio comunale di ieri sera, con la presentazione di un documento molto critico della Nuova Dc, Tidei ha optato per la verifica, chiedendo l'azzeramento del quadro politico-amministrativo. Rinviate a lunedì le dimissioni di assessore e delegati

Dopo il consiglio comunale di ieri sera, con la presentazione di un documento molto critico della Nuova Dc, Tidei ha optato per la verifica, chiedendo l'azzeramento del quadro politico-amministrativo. Rinviate a lunedì le dimissioni di assessore e delegati

SANTA MARINELLA – Si apre ufficialmente la crisi al Comune di Santa Marinella, con la contestuale verifica di maggioranza da patre del sindaco Pietro Tidei. E’ stato questo l’esito del consiglio comunale di ieri sera, durante il quale il capogruppo della Nuova Dc Roberto Marongiu ha presentato un documento molto critico con l’amministrazione di cui fa parte, identificando in un triumvirato la concentrazione del potere decisionale della Giunta (implicito il riferimento alla triade Tidei-Fronti-Iachini) e chiedendo una verifica (che non dovrebbe durare più di 10 giorni) ed una svolta. Il diccì Trebiani ha preso le distanze dal resto del gruppo, ma al sindaco non è rimasto altro da fare che aprire la verifica. Tidei prima di procedere vuole però l’azzeramento del quadro amministrativo e ha chiesto le dimissioni di tutti gli assessori e delegati, entro le 15 di oggi. Rimpasto e ristrutturazione del programma sono stati rinviati a lunedì sera alle 21. Il sindaco Tidei nel corso della conferenza stempa delle 15 ha infatti espresso la necessità di tempo per poter ridisegnare gli assetti e consolidare la squadra di governo. Pur anticipando di non voler fare ricorso ad elementi esterni, il sindaco ha detto che non ammetterà più defezioni, anche momentanee, o cambi di rotta. “Si tratta di inquadrare il fenomeno e definirlo come maldipancia o qualcosa di più grave. In questo secondo caso siamo anche pronti ad andare tutti a casa” (SEGUE)

ULTIME NEWS