Pubblicato il

Silvestri, tutti pazzi per la "paranza"

di LUCA GUERINI

Daniele Silvestri è stato premiato dal pubblico della Marina che ieri sera ha applaudito il cantautore capitolino esibitosi nell’ambito del cartellone estivo del “Civitavecchiainfestival” diretto da Pino Quartullo e prodotto da Armando Napolitano La Pegna.
Il concerto, iniziato con qualche minuto di ritardo, ha comunque entusiasmato la platea di fans che hanno apprezzato i PUBBLICObrani e la presenza di alcuni strumentisti che assieme a Silvestri hanno lavorato durante la lunga carriera.
Si è trattato dunque di «un incontro tra amici» come lo ha scherzosamente definito il cantante «che ha arricchito la tournèe di sonorità nuove, allo stesso tempo familiari».
Il pubblico però non ha gradito molto l’ordine della scaletta di canzoni proposte da Silvestri che ha lasciato per la fine tutti gli ultimi successi e destinato la prima parte del concerto ai brani a loro meno noti tratti dall’ultimo disco “Il Latitante”.
DANIELESilvestri non ha risparmiato anche qualche uscita di natura politica ricordando gli eventi del G8 e dedicando una canzone ironica a Berlusconi.
Il concerto si è aperto con “Marzo 3039” che ha fatto da apripista con una chiave pessimistica sull’attualità e ha continuato con un nuovo arrangiamento di “Il mio nemico” per poi lasciare posto a “Kunta Kinte”.
In conclusione Daniele Silvestri ha presentato “Gino e l’Alfetta” , “Mille euro al mese” e “La Paranza” che erano appunto i brani più attesi dagli spettatori civitavecchiesi che poi gli hanno chiesto il bis.

ULTIME NEWS