Pubblicato il

Sipario: i teatri romani fino al 17/06/07

LE AFFINITÀ ELETTIVE
TEATRO
DELL’OROLOGIO
Fino al 17 giugno sul palco sono di scena “Le affinità elettive” di W. Goethe, per la regia di Ilaria Testoni, con Marco Bianchi, Claudia Mei Pastorelli, Marco Paparella e Cristina Gianattasio. Una rigorosa partita a quattro, giocata sulle corde del cuore e dell’anima, in cui è facile cadere. Lo spetta¬colo racconta il comportamento di quattro diverse anime alle prese con la passione e l’improvviso sfaldamento di una coppia al sopraggiungere di due elementi esterni che, come una calamita, attraggono e poi sciolgono quel legame scelto e vissuto fi¬no a quel momento con cuore sincero, “senza che si possa dire chi per primo ha lasciato l’altro, chi per primo si è unito all’altro”. Al centro di ogni cosa, l’Uomo di oggi che con le sue azioni determina le sue scel¬te, ma che ancora non ha il coraggio di accettare le conseguenze di tali scelte. C’è sempre il destino, da qualche parte, a cui lasciare la responsabilità…e la colpa. Teatro dell’Orologio
Via dei Filippini 17a, tel 06-6875550.

CABARET
IL MUSICAL
TEATRO SISTINA
Con: Michelle Hunziker. Musiche John Kander
Libretto Joe Masteroff
Canzoni Fred Ebb. Regia Saverio Marconi
Compagnia della Rancia. E’ il più “europeo” dei musical americani… forse per questo è rappresentato un po’ ovunque in Europa: dai successi recenti in Germania, è in scena ora in Olanda e in Spagna ed è annunciato in Inghilterra e in Francia per la prossima stagione. Il titolo è famosissimo nel mondo, grazie all’omonimo film del 1972 che vinse 8 Oscar e consacrò Liza Minnelli come un’autentica star e icona del film musicale, ma lo spettacolo originale debuttò a Broadway nel ’66 dove rimase in scena per 4 anni e dove tornò ancora, fino all’ultima versione, conclusa con grande successo nel 2004 dopo oltre 5 anni di repliche. “Scritto da Joe Masteroff e musicato da Kander ed Ebb, Cabaret vanta una colonna sonora eccitante, giustamente entrata nel patrimonio del “fischiettio” comune: da “Mein Herr” a “Money money” a “Life is a cabaret”, diventato quasi un inno…” Una grande storia d’amore ambientata nel fascino sognante del mitico “Kit-Kat Club” nell’Europa degli anni ’30.

ULTIME NEWS