Pubblicato il

Tagli alla sanità, Gruner vince contro la Regione

Accolta dal Tar la richiesta di sospensione della delibera quadro 436 del 2007.«Anziché rimediare al buco sanitario, la legge danneggiava cittadini, medici e ambulatori». Adesso il Lazio dovrà trovare un sistema alternativo per rimediare alla grave situazione creatasi

Accolta dal Tar la richiesta di sospensione della delibera quadro 436 del 2007.«Anziché rimediare al buco sanitario, la legge danneggiava cittadini, medici e ambulatori». Adesso il Lazio dovrà trovare un sistema alternativo per rimediare alla grave situazione creatasi

CIVITAVECCHIA – Per recuperare il buco colossale creatosi nel settore Sanità negli ultimi tempi, la Regione Lazio adesso dovrà rifare tutto da capo. È stata accolta dal Tar infatti la richiesta di sospensione della delibera quadro della Regione Lazio n.436 del 2007 sul ‘‘finanziamento e la definizione del sistema di remunerazione delle prestazioni ospedaliere e di assistenza specialistica ambulatoriale dei soggetti erogatori pubblici e privati per l’anno 2007’’, presentata dagli avvocati Giuliano Gruner e Daniele Piva, legali rappresentanti del Centro di Chirurgia ambulatoriale del dottor Giuseppe Crocchianti a Civitavecchia, che si è aggiunta ad altri ricorsi contro la delibera fatti da varie associazioni di categoria. «La delibera proposta dall’assessore regionale alla sanità Augusto Battaglia – ha spiegato l’avvocato Giuliano Gruner – anziché rimediare alla grave situazione che si era creata, ha proceduto a un taglio netto nella spesa sanitaria regionale che ha danneggiato molti cittadini, operatori sanitari e ambulatori come quello del dottor Crocchianti. Si è trattato di un mero taglio finanziario applicato senza aver interpellato alcun medico né organizzazione sanitaria o rappresentativa degli utenti». La delibera, approvata dalla Giunta regionale il 19 giugno del 2007, era stata proposta dopo l’accordo tra l’attuale Governo Prodi e la Regione Lazio per l’attuazione di un piano di rientro dell’enorme debito che ha interessato il settore sanitario. La delibera 436, presentata dall’assessore Battaglia, serve per la determinazione del finanziamento e del sistema di remunerazione delle prestazioni ospedaliere per pazienti che manifestano forme acute di malattia, di assistenza specialistica ambulatoriale, di riabilitazione e lungodegenza medica post-acuzie. «Abbiamo fatto ricorso al Tar – ha aggiunto Gruner – che ha accolto la sospensiva con l’ordinanza 4980 del 2007. Adesso la delibera non è più in vigore e la Regione dovrà ricominciare tutto da capo». Ci saranno sicuramente forti ripercussioni anche politiche sulla Giunta regionale ed in particolare sull’assessore regionale alla Sanità Augusto Battaglia.
I problemi saranno per il bilancio della Regione Lazio: essendo venute meno le misure di taglio previste sulle prestazioni sanitarie la Regione infatti adesso dovrà recuperare cifre sicuramente ingenti per garantire nuovamente le prestazioni ai cittadini, ai medici e agli ambulatori sanitari.

ULTIME NEWS