Pubblicato il

Tarquinia, furto di rame alla Giaguaro: denunciati due rumeni

TARQUINIA – Furto di rame nella notte a Tarquinia. Una banda di rumeni provenienti dal campo nomadi di Roma, la scorsa notte ha tentato di rubare una ingente quantità di cavi elettrici in rame dallo stabilimento ex Conal, poi gestito dalla Giaguaro, fino a qualche anno fa utilizzato per la trasformazione del pomodoro e adesso in stato di abbandono, seppure recintato. E’ stato proprio il proprietario a segnalare il tentato furto ai Carabinieri della stazione di Tarquinia, coordinati dal comandante Simeone. Immediatamente i militari si sono precipitati sul posto. I ladri, all’arrivo delle pattuglie, si sono dati alla fuga: due a bordo di un camion carico di refurtiva e quattro a bordo di una macchina di grossa cilindrata, una Croma. Ad altissima velocità è iniziato un concitato inseguimento sull’Aurelia. Intanto i carabinieri della stazione di Tarquinia hanno diramato le segnalazioni presso le altre stazioni di polizia del comprensorio. Il camion con il rame, restituito al legittimo proprietario, è stato bloccato a Ladispoli dalla polizia stradale. La macchina invece ha lasciato l’Arelia, deviando per la zona di campagna di Montericcio. I carabinieri hanno inseguito l’auto che però si è dileguata tra le strade di campagna. I due rumeni sono stati denunciati a piede libero per trascorsa flagranza. Nopn il primo furto di rame allo stabilimento: la notte precedente infatti altri cavi sono stati rubati allo stesso stabilimento.

ULTIME NEWS